AttualitàAttualitàCronacaCronacaCultura e MusicaCuriosando qua e làI lampi e la luna

La mancata distruzione del porto di Bari, 1943. Testo e immagini di Igor Belansky

In città c'erano pochi soldati italiani con qualche civile in armi,

Dopo l’8 settembre 1943 i tedeschi dovevano distruggere il porto di Bari per impedire che gli
Alleati lo usassero. In città c’erano pochi soldati italiani con qualche civile in armi, che cercarono di
impedire la distruzione del porto. Dopo alcune scaramucce arrivò in città un reparto di bersaglieri
che consentì agli italiani di avere la superiorità numerica contro i tedeschi. Dopo alcuni combattimenti il comando italiano chiese ai tedeschi, ormai accerchiati, la resa. I tedeschi  volevano uscire dal combattimento in modo onorevole e l’ottennero. Gli furono lasciate le armi e  poterono ritirarsi da Bari. Il porto fu salvato.
Il reparto dei bersaglieri che combatté a Bari costituì il nucleo di quello che poi diventerà l’Esercito
del Sud, che combatté durante la resistenza a fianco degli Alleati.

 

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: