martedì, Agosto 20, 2019
Home > Attualità > La moderna cardiologia clinica

La moderna cardiologia clinica

Le malattie cardiovascolari rappresentano il più importante problema di salute nel mondo occidentale. Per questo i cardiologi assumono una grande responsabilità ed un’insostituibile autorità morale legata alla rilevanza sociale del proprio ruolo di esperti. La metamorfosi clinica ha condizionato la metodologia, la formazione, la ricerca, le competenze ed il rispetto della pesante eredità del valore della cardiologia.
Le cardiopatie, infatti, richiedono sempre più perizia, percorsi esaustivi e rapidi che se non ben gestiti dal cardiologo clinico possono creare cronicità, irresolutezza diagnostica-terapeutica, accrescendo un rischio sempre maggiore. Ne parliamo col Professor Fabrizio Bruzzone, clinico specialista in cardiologia e medicina nucleare, professore presso la Cattedra di cardiologia dell’Università di Genova.

“Quando la patologia cardiologica è predominante il cardiologo dovrebbe restare oggi l’unico riferimento per la gestione del quadro clinico pur nella sua complessità multiorgano. La storia dello studio del cuore e dei vasi – Prosegue il Professor Bruzzone – aiuta a capire l’importanza ad avere competenze specifiche”. Quindi, l’approccio clinico col paziente sta nell’accuratezza di indagine sui sintomi? “L’anamnesi – precisa Bruzzone – è la raccolta della storia clinica del paziente, cioè di tutte le informazioni riguardanti il paziente e la sua famiglia che possono essere utili dal punto di vista Cardiologico – Cardiovascolare. L’Anamnesi è di fondamentale importanza e deve essere la più approfondita possibile, perché, se ben condotta, permette spesso al Cardiologo, già di per se stessa, di farsi un’idea abbastanza precisa del tipo di patologia (o non patologia) con cui ha a che fare. Ad esempio, nella diagnosi differenziale del dolore toracico, in cui entrano in gioco molte possibili alternative al dolore di origine cardiaca, è molto importante eseguire un’accurata ricostruzione delle caratteristiche qualitative e quantitative del dolore, oltre che dei fattori di rischio cardiovascolare eventualmente presenti. Un conto, per esempio, è un dolore toracico con caratteristiche atipiche in una persona di 25 anni senza fattori di rischio cardiovascolare, un conto è invece un dolore tipico per origine cardiaca in una persona di età matura od anziana con fattori di rischio cardiovascolare. Un’anamnesi ben condotta è, nell’ambito della Visita Cardiologica, un primo passo importante e spesso risolutivo per arrivare ad una diagnosi corretta”.
Bruzzone rileva quanto sia sempre più determinante per le cardiopatie la creazione di forze sinergiche; “In cardiologia è di fondamentale importanza – sostiene il clinico – creare una vera integrazione di professionalità diverse, ognuna valorizzata nella sua identità particolare. Per quanto mi riguarda ho attivato, soprattutto, uno stretto dialogo col Dottor Giuseppe Molinari, cardiologo, referente per la diagnostica cardiovascolare con RM e TC presso l’Ospedale “Antero Micone” di Genova/Sestri Ponente”.
Di queste metodiche ne parliamo con l’interessato, Dottor Molinari, il quale ci conferma che l’area delle prestazioni non invasive si sta sempre più ampliando e vi sono alcune di loro che da un ambito strettamente sperimentale sono passate ad applicazioni pratiche, a livello clinico, con risultati diagnostici decisamente interessanti.
“La Tomografia Computerizzata e la Risonanza Magnetica – sottolinea il Dottor Molinari -rivestono, ormai da parecchi anni, un ruolo cardine nella diagnosi di numerose malattie. Nell’ultimo decennio la loro utilità si è venuta sempre più delineando anche nel campo delle Malattie del Cuore, settore in cui le procedure di diagnostica per immagini devono fare i conti con le difficoltà intrinseche dell’organo da studiare. Il cuore, infatti, è in continuo movimento ed è composto di strutture difficili da visualizzare perché di piccolissime dimensioni (come ad esempio le arterie coronarie) ma che hanno un’importanza fondamentale per la vita di ognuno di noi.
Quali sono dunque i motivi – prosegue – che hanno permesso alla Tomografia Computerizzata e alla Risonanza Magnetica di affermarsi come tecniche emergenti nel vasto campo della diagnosi cardiologica? Anche se può sembrare un’eccessiva semplificazione, la ragione principale può essere riassunta nel fatto che la Tomografia Computerizzata delle arterie coronarie è un’indagine a bassa invasività in grado di fornire informazioni diagnostiche che si avvicinano molto a quelle dell’angiografia coronarica (che invece è un esame invasivo) e la RM cardiaca è un esame completamente non invasivo capace di studiare aspetti delle malattie cardiache in modo più accurato rispetto alle altre tecniche e, talora, fornire informazioni non altrimenti ottenibili. Tomografia Computerizzata delle arterie coronarie si pone l’ambizioso traguardo di sostituire l’angiografia coronarica nella valutazione di quelle lesioni coronariche che sovente sono responsabili dell’infarto del miocardio. Profondamente differenti le considerazioni che possiamo fare sulla Risonanza Magnetica cardiaca. Essa è una procedura diagnostica che, dalla fine degli anni ’80, ha trovato sempre maggior applicazioni in campo cardiologico. La caratteristiche principali della RM sono:
· non invasività, per cui l’esame è privo di pericolosità per il paziente, può essere ripetuto più volte perchè non si erogano radiazioni e anche laddove sia necessario somministrare il mezzo di contrasto, questo non possiede le caratteristiche di tossicità come nel caso dell’angiografia e della Tomografia Computerizzata;
· possibilità di valutare con la sola Risonanza Magnetica tutta una serie di parametri clinici che altrimenti necessiterebbero dell’impiego di due o più tecniche diagnostiche tradizionali.
“Per noi clinici – precisa nuovamente il Professor Bruzzone – la tecnologia sanitaria ha enorme importanza nella tutela della salute, dalle prestazioni diagnostiche a quelle terapeutiche fino ai trattamenti riabilitativi.
Una tecnologia che cerca sempre di più di sviluppare e perfezionare prestazioni non invasive, che sono particolarmente “gradite” ed accettate dai pazienti in quanto non “invadono” il corpo umano ed escludono quindi rischi e complicazioni. Pur se le prestazioni cosiddette “invasive” sono talora insostituibili per ottenere sicuri risultati diagnostici e per procedere alle conseguenti terapie”. Per Bruzzone salvaguardare e garantire un’adeguata qualità della vita e dell’età, significa rispettare i principi moderni del giuramento di Ippocrate, significa saper coniugare serietà e coscienza, significa aver a cuore la salute delle persone. “La prevenzione – sintetizza – delle malattie cardiovascolari, come l’infarto miocardiaco e l’ictus, è ormai acclarato devono iniziare fin dall’infanzia.Sono stati necessari diversi anni di studio per stabilire definitivamente che il rischio di mortalità e morbilità CV non poteva essere calcolato sulla base di un singolo fattore di rischio, bensì su quello che risultava dalla interazione dei vari fattori di rischio presenti in ciascun individuo. Il rischio assoluto di un paziente è correlato in modo diretto al numero di fattori di rischio coesistenti, alla presenza di diabete, di danno d’organo sub clinico, renale, cardiaco e vascolare e alla coesistenza di condizioni cliniche associate che contribuiscono in misura determinante all’incremento degli eventi acuti cardiovascolari”.
Nato a Varazze il 21/06/1955, Fabrizio Bruzzone è laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università di Genova nel 1980 con 110/110 e lode. Specializzato in cardiologia e medicina nucleare. Stages di quattro anni presso l’Università Tecnica di Monaco di Baviera, di due anni presso l’Università di Pensacola in Florida (USA). Specializzato nella ricerca di metodologie non invasive (ecocardiogramma, cardiologia nucleare, risonanza magnetica nucleare).
Attualmente professore presso la cattedra di cardiologia dell’Università di Genova e consulente dei principali centri diagnostici italiani.
Per quanto attiene la medicina nucleare, il cardiologo sottolinea ““La medicina nucleare è prima di tutto un servizio diagnostico spesso insostituibile, a disposizione della medicina generale e specialistica, in grado di fornire valide risposte a numerosi quesiti diagnostici. Perchè ciò sia possibile è necessario che il medico nucleare abbia un’approfondita conoscenza delle moderne problematiche medico-chirurgiche e un costante dialogo con i medici che ne sono fruitori.
La medicina nucleare deve quindi progredire insieme alle altre branche della medicina, anche sfruttando le possibilità di sviluppo tecnologico offerte dalla collaborazione di ricercatori, tecnici, ingegneri, programmatori, fisici, radiochimici e radiofarmacologi”.
Bruzzone conclude innalzando un doveroso pensiero al Professor Salvatore Caponnetto, direttore della Cattedra di Cardiologia dell’Università di Genova di cui è stato allievo.

Elmo Bazzano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *