domenica, Agosto 25, 2019
Home > Rubriche > Lettere alla redazione > La morte che accettiamo è solo quella degli altri

La morte che accettiamo è solo quella degli altri

La morte che accettiamo è solo quella degli altri, mai la nostra: tanto è vero  che per giustificare questa  presunzione, camuffiamo le guerre nei Paesi nei quali siamo coinvolti come ‘missioni di pace’.

Nel 2009 Barak Obama, in una delle sue prime esternazioni appena eletto, dichiarò che sognava una guerra combattuta solo con i robot per risparmiare  la vita ai soldati americani, concetto impercettibile nel sotto intendere che debbono morire solo i ‘cattivi’ nemici, anche se presunti o tali, e non gli ‘amici’, che evidentemente ‘la morte non è uguale per tutti’, con buona pace degli insegnamenti Cristiani, insomma è giusto che ‘tu devi morireio no’.
Oggi con l’utilizzo dei droni telecomandati tutto ciò è fattibile, via a sganciare bombe di morte, anche su popolazioni inermi, bambini, donne e vecchi senza alcuna giustificazione se non colpevoli di trovarsi al posto sbagliato nel momento sbagliato, al di là di ogni concezione di dignità umana e di misericordia, a tale proposito vorremmo conoscere il pensiero di questo nostro straordinario Papa Francesco.
Ci sarà, forse, una terza guerra mondiale di distruzione totale: quello che è certo, nella eventuale quarta guerra e che si ritornerà a combattere con le fionde.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *