sabato, Dicembre 7, 2019
Home > Attualità > La nazionale italiana

La nazionale italiana

Ci si stupisce del pessimo risultato della nostra nazionale in Brasile. Cosa ci credevamo tutti quanti? Che potessimo vincere il mondiale? La mediocrità dei nostri calciatori si è finalmente evidenziata agli occhi di tutti. Se Mario Balotelli è super Mario, cosa sono i vari Robben, Van Persie, Muller, Neymar, Messi? Anche i più noti giornalisti sportivi e commentatori televisivi pensavano di aver a che fare con un nuovo Pelè, alimentando speranze e creando false illusioni. Non dice niente il fatto che tutte le squadre che lo hanno avuto, hanno cercato di liberarsene appena possibile? Se sei dotato di capacità tecniche o di un buon fisico, ma manchi di dati caratteriali e di intelligenza, potrai essere un discreto calciatore, ma non un campione. Se poi, trovi qualcuno che ti pompa e di accusa fuori luogo e oltre misura, non potrai essere altro che un “pallone gonfiato”.

La Juventus (premetto di essere juventino) è una grande squadra in Italia, ma una squadra mediocre in Europa. Ha vinto gli ultimi tre scudetti grazie a un grande portiere, un grande allenatore e motivatore, mediocrità di tutte le altre squadre, giocatori stranieri (Azamoha, Caceres, Isla Vucaic, Lichsteiner, Vidal, Pogba, Tevez, Llorente) che la rendono molto più forte della nostra nazionale. Con la scarsità del materiale a disposizione, cosa poteva fare il povero Prandelli se non una pessima figura? I suoi errori sono stati molti. I più evidenti: creare delle aspettative non realizzabili, cambiare idea e formazione a ogni partita, insistere coi palloni gonfiati. Ma la cosa peggiore è cercare alibi e scusanti inaccettabili. Per questo motivo è da bocciare pure lui.

Gianni Birello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *