giovedì, Dicembre 12, 2019
Home > Attualità > La nostra gioventù è seriamente malata: la medicina c’è e si chiama sport!

La nostra gioventù è seriamente malata: la medicina c’è e si chiama sport!

Ma non la passa la "mutua" ed è troppo cara.

Senza fare troppo i pessimisti, credo che sia sotto gli occhi di tutti vedere di come la nostra gioventù sia in sofferenza sotto vari aspetti, è sempre più povera mentalmente, senza stimoli e, soprattutto, senza quegli obiettivi di lavoro e di occupazione che un giovane deve avere necessariamente per credere nel proprio futuro. Un governo attuale, come del resto quelli precedenti, che per i giovani sta facendo proprio nulla. Giovani che non credono più in nulla né nella politica che dovrebbe impegnarsi per garantire loro un posto di lavoro una volta terminati gli studi. Giovani che non credono più nelle istituzioni democratiche perché si sono resi ben conto che il loro futuro si presenta sempre più buio. Giovani che non trovano più serenità e conforto nella cellula-famiglia, anch’essa ormai una cellula malata e non più in grado di dare loro un aiuto per affrontare i troppi problemi che i giovani devono affrontare. Giovani che si trincerano dietro un assoluto menefreghismo e lassismo nei confronti di tutto e di tutti e che si fanno assorbire dalla musica o da assunzione di sostanze devastanti per mascherare il loro stato d’animo e cercare momenti di solo apparente serenità minando la loro salute in modo spesso inguaribile. Giovani che non sanno ne’ più parlare ne dialogare con il prossimo se non con il loro telefonino o il tablet. Anche il mondo dei loro affetti non è più in grado di confortarli e di infondere loro quel minimo di sicurezza di avrebbero assolutamente bisogno. A completare il quadro quelle strane e pericolose amicizie che portano i nostri ragazzi a deragliare dalla retta-via ed a sprofondare in quei tunnel dai quali uscire spesso è impossibile. Stato ed istituzioni che, a mio parere, conoscono molto bene questa triste realtà, nulla fanno per modificare questa situazione negativa che sta coinvolgendo in maniera esponenziale un sempre maggior numero di ragazzi. Il mondo della scuola ha le sue grosse colpe e responsabilità. una scuola anch’essa malata, dimenticata quasi dallo stato, non più certamente idonea a dialogare con la gioventù di oggi. Colpa e responsabilità non vanno date certo agli insegnanti, anch’ essi trattati come” bambinai” e pagati con stipendi ridicoli e ben poco gratificanti. Colpa è dei nostri governanti incapaci di dare al mondo della scuola quel rispetto e quella considerazione che una volta in qualche modo c’era e che, oggi, non c’è davvero più. Programmi vecchi sorpassati, lontano dalla realtà odierna con materie che non contribuiscono più alla crescita psico-fisica dei nostri figli l’inserimento “dell’educazione civica”, tanto richiesto e programmato, è stato-non si il perché -sospeso negando ancora una volta l’assoluta importanza di questa materia che io ritengo essere primaria in tutti gli istituti. Badate bene che sto parlando dei programmi della scuola e non delle sue strutture edilizie che come ben sappiamo vediamo, fanno ridere tanto sono vecchie, fatiscenti ed a volte marce come funghi.
Scuola che non gode più del rispetto dei ragazzi e delle famiglie, incapaci a loro volta di prendere decisioni di utile e fattiva contestazione verso questo stato che dovrebbe essere unico garante titolato alla formazione ed all’ istruzione dei giovani. Ma allora questi benedetti giovani a cosa devono aggrapparsi. Una volta lo “sport”, il tanto criticato sport, criticato forse anche dalla stessa scuola, era in grado, almeno di aiutare i giovani distogliendoli da occupazioni più pericolose, uno sport in cui i giovani della nostra generazione di sessantenni e settantenni credevano e che ci ha, comunque, aiutato a crescere e vivere a stretto contatto col prossimo maturando quello spirito di competizione e di agonismo sano che e molto importante nella crescita di un ragazzo. Oggi anche il mondo dello sport è in crisi e non più in grado di trasmettere dei messaggi positivi. Eppure, nulla mi toglie dalla zucca, che lo sport sia e debba essere ancora oggi la miglior medicina per curare la nostra gioventù. Ma, come tutte le buone medicine la mutua non le passa, lasciandole a carico del malato, costretto a sobbarcarsi spese a volte ingenti. Per fare dello sport, oggi, bisogna spendere e, moltissime famiglie non se lo possono permettere le piccole e medie società sportive dilettantistiche per vivere e tirare avanti, non avendo aiuti, sovvenzioni e contributi più da nessuno sono per forza costrette a chiedere il pagamento di quote associative perché, piscine campi palestre etc. Si pagano profumatamente e le entrate sono costituite solo dalle quote che pagano i ragazzi e le loro famiglie. Ci sono, poi, degli sport che sono appannaggio dei soli più abbienti: sci, sci nautico, tennis, golf, equitazione ed altri ancora hanno dei costi altissimi e solo famiglie molto benestanti possono iscrivere i loro figli. Poi sentiamo parlare di “sport per tutti” e “lo sport è di tutti”: non è vero nulla dal momento che “lo sport è di chi ha i soldi per poterlo praticare”. La logica e la giustizia sociale imporrebbero che lo sport dovrebbe essere gratuito ed accessibile davvero a tutti: ma ciò è scritto solo nelle favole. La realtà è ben diversa, fare sport non è né un passatempo né una frivolezza o un trastullo o un divertimento. Fare dello sport, per i giovani e un’esigenza assolutamente primaria. Se lo stato sta a guardare, almeno le regioni e gli enti locali dovrebbero stanziare le somme necessarie per favorire ed incentivare tutti i giovani a fare dello sport: ma anche loro stanno a guardare. Va già bene che nei club dilettantistici esiste ancora il “volontariato” ma anche questo è in via di estinzione come una bestia rara. Quando la mia generazione degli anni”50″ e “60” non ci sarà più lavorare” aggratis”, allora saranno veramente tempi in cui la parola “sport” rischierà di scomparire dal vocabolario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *