sabato, Dicembre 7, 2019
Home > Rubriche > Lettere alla redazione > La nostra “sanità” ? C’era una volta…or non c’è più

La nostra “sanità” ? C’era una volta…or non c’è più

Complimenti a Renzi ed al suo governo di pagliaccetti! Da una parte dice di volerci levare la tassa sulla prima casa e dall’altra taglia in maniera indiscriminata ed inaccettabile quasi tutti gli accertamenti clinici impoverendo e distruggendo la nostra sanità, già, peraltro, ridotta ai minimi termini.

Il tutto alla faccia della prevenzione che dovrebbe essere alla base di tutto, allo scopo di prevenire tutte quelle brutte malattie che sono fonte di grande preoccupazione in tutti noi. Sembra proprio che il nostro “amato” governo  stia dando precise disposizioni ai medici di famiglia “obbligandoli” praticamente a non prescrivere più né T.A.C. né risonanze magnetiche se non in casi gravissimi. Un’imposizione pazzesca, assurda, vergognosa, inaccettabile deontologicamente incredibile da accettare da parte dei medici che loro e solo loro sanno se il paziente deve o non deve sottoporsi a tali accertamenti. Il tutto allo scopo di tagliare e risparmiare quattro soldi sulla pelle della gente.

Questa è, oggi, la nostra sanità, sempre più marcia e certamente non degna di una nazione civile quale l’Italia  crede di farci credere. Anzichè potenziare il servizio relativo alla prevenzione e alla diagnosi precoce delle malattie, il governo decide di eliminare le prescrizioni prendendosi il lusso di minacciare anche i medici dicendo loro che verranno fatte delle trattenute economiche sui loro stipendi qualora vengano prescritti accertamenti ritenuti non idonei. Ma chi è questo personaggio che decide se un accertamento clinico è utile o no?                                                                         La logica e la serietà dice che solo il medico deve valutare e decidere questo e non qualche burocrate imbecille, per giunta pure ignorante. Con questa ipocrita presa di posizione in Governo, oltre a venir meno verso precisi doveri nei confronti di noi cittadini che versiamo nelle casse dello Stato fior di soldi, derivanti dalle trattenute sui nostri stipendi o pensioni, si va ad incrementare il giro di affari delle “strutture private”.

Tutti noi saremo costretti a rivolgersi ad esse qualora se ne presenti la necessità o per fare dei giusti controlli mirati alla prevenzione ed alla diagnosi precoce. Pagheremo di tasca nostra, come, peraltro, abbiamo sempre fatto a tutela della nostra salute della quale il nostro governo se ne sta infischiando alla grande. Mi auguro davvero che i medici, toccati nella loro professionalità e nella loro dignità, facciano il casino che è giusto fare e possano far rimangiare al governo queste ignobili decisioni che sono altamente lesive verso il loro lavoro ma soprattutto verso noi tutti. Anche noi cittadini dovremmo ribellarci nel senso pieno del termine rifiutandoci di pagare le tasse e le gabelle che dobbiamo subire, per non essere nemmeno tutelati dal punto di vista della nostra salute. Al momento una cosa dobbiamo dirla chiaramente: “Caro Governo, vergognati. Non ci rappresenti più”. Personalmente provo un senso di sgomento, quasi ribrezzo.

      Carlo Colla

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *