martedì, Dicembre 10, 2019
Home > Attualità > La nostra Sanità, come è cambiata negli anni

La nostra Sanità, come è cambiata negli anni

Prima dell’esistenza del Sistema Assistenziale Sanitario Nazionale operavano numerosi Enti Mutualistici, le “mutue”. Ciascun Ente era legato ad una categoria di lavoratori, per cure mediche, ospedaliere e medicine. Finanziato dai contributi versati da lavoratori e datori lavoro, quindi non legato ad essere cittadino, ma lavoratore e disomogenei nelle prestazioni. Il Ministero della Sanità fù istituito nel 1958, nel 1974 furono sciolti gli “enti” con competenze passate alle Regioni . Solo nel 1978 fu istituito l’attuale sistema SSN (Servizio Sanitario Nazionale) L’Italia nel 1997 era, per la qualità del Servizio Sanitario, al 2-3 posto nel Mondo. Sino al 2005 c’è stato un buon incremento dei fondi, circa 7% annuo, poi si è cercato un rientro, per arrivare a incremento 0%, creando problemi, in particolare il turismo sanitario con direzione Sud-Nord. Un importante Centro Studi ha effettuato una ricerca sulla Sanità, per verificare la situazione e le variazioni intercorse, ovviamente considerato il miglioramento della qualità e allungamento vita. Nel 2016 la nostra spesa per la Salute era in buona posizione, si attestava su 3000 dollari, mentre gli altri paesi sviluppati erano intorno a 5000, solo gli Usa circa 15.000 dollari, perchè hanno situazioni, condizioni speciali (pubblico e soprattutto privato). La spesa globale si aggira sui 156 miliardi, di cui 112 dal fondo nazionale e i restanti 40 miliardi con contributi privati (Assicurazione e intervento diretto). Dall’indagine statistica si è potuto evidenziare che l’aumento pubblico di1% non ha potuto compensare neppure l’aumento vita. Considerato che la media passata da 6,5% a 6,3% rispetto al Pil è evidente la necessità di un maggior intervento privato. Con la crisi del 2009 la Sanità ha sopportato notevoli tagli in modo particolare (organici, stipendi, farmaci). Nel 2017 la spesa ha potuto contare su 113,5 miliardi pubblici Per quanto attiene al servizio sarebbe meglio puntare su centri di eccellenza, accentrando le cure in centri specializzati, migliorando qualità e spesa invece che dividerli in tanti piccoli rivoli. Importante altresì combattere gli sprechi pur ancora alti e soprattutto eventuali corruzioni. Lo Stato non può estraniarsi, ma fare da intermediario per ridurre le spese o almeno renderle omogenee nelle varie Regioni, controllando le spese coperte dal servizio pubblico e quelle sopportate dalle famiglie Importante che il cittadino non paghi due volte (tasse e contributi personali), specie per le cure odontoiatriche. Il Governo vuol intervenire sul servizio: gestione, tempi di attesa e personale, non giudicando le intenzioni, ma aspettando i fatti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *