venerdì, Gennaio 24, 2020
Home > Attualità > La palazzina intelligente del Campus è piena di energia ma non paga bollette

La palazzina intelligente del Campus è piena di energia ma non paga bollette

Si è svolta ieri mattina, alla presenza del ministro della Difesa Roberta Pinotti e della presidente di Enel Patrizia Grieco, l’inaugurazione del primo “Smart Energy Building” italiano non connesso a nessuna rete elettrica pubblica. Si tratta di un edificio, realizzato all’interno del Campus universitario di Savona, completamente autosufficiente dal punto di vista energetico: il riscaldamento è garantito da una pompa di calore geotermica (8 sonde che scendono a 100 metri di profondità e scambiano calore col terreno), la corrente elettrica da un impianto fotovoltaico e, in caso di emergenza, dalla Smart Grid dell’università (grazie alla quale può essere sempre indipendente dalla rete tradizionale). Anche l’attività fisica degli studenti, in una apposita palestra, contribuisce ad alimentare l’edificio. “Grazie a questi sistemi – ha spiegato il prorettore del Campus, Federico Delfino – il palazzo non emette anidride carbonica nell’atmosfera”.

La palazzina è intitolata a Pietro Oliva, matematico e docente di analisi matematica all’università savonese. Presenti al Campus anche il rettore dell’Università di Genova Paolo Comanducci, il sindaco di Savona Ilaria Caprioglio, il prefetto Giorgio Manari e la presidente della Provincia Monica Giuliano. “Le tecnologie che stiamo utilizzando sono tecnologie allo stato dell’arte, di mercato e non sono sperimentali – ha spiegato l’ingegnere Delfino -; sia i sistemi di produzione che quelli di distribuzione e di misura, ma anche quelli di controllo sono prodotti che oggi si possono acquistare. L’idea dell’università è quella di sperimentare questo modello in un Campus per far capire a stakeholder istituzionali e industriali che queste soluzioni non solo sono di mercato ma dobbiamo applicarle nelle città del futuro”.

“Siamo di fronte ad un esempio concreto di quello che sarà il futuro – da osservato Patrizia Grieco, presidente Enel -. Noi qui stiamo sperimentando tecnologie molto importanti per l’evoluzione che una società di utility deve affrontare nella transizione energetica: mobilità elettrica, vehicle-to-grid, forme innovative di utilizzo di micro grid e di rinnovabili. Stiamo sperimentando quello che in realtà servirà per la gestione ottimale di una grande città o di una città in generale. Noi vogliamo essere sostenibili. Mettiamo i soldi che servono per sostenere il futuro nostro e delle comunità in cui viviamo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *