domenica, Febbraio 24, 2019
Home > Rubriche > Poesie > La poesia della settimana

La poesia della settimana

Carezze di Lea Silvia Pennacino


di Redazione - 14 Ottobre 2017, 10:00

CAREZZE

Vaghi, i ricordi di tempi lontani

tornano ad abitar la fragile mente.

Ti vedo e realtà passate,

seppur non ancora remote,

all’istante diventano ieri.

Pomeriggi assolati d’argentine risate,

giochi colorati di chiara fantasia,

mani intrecciate nel buio del doposcuola…

Poi,

complici incoscienti di innocenti amori

le tende della sacrestia.

Assurdi messaggi

Su fogli sgualciti dal troppo piegare…

Ti aspetto…” ma dove?

Non leggo! Che importa:

ti vengo a cercare!

E sempre tardi

si tornava a casa la sera

correndo a perdifiato.

Ancora una spinta sulle scale

a un dispettoso fratello

che non lasciava passare.

Belli quei giorni

e ancora più bella

la mano di mia madre

che. Leggera,

sfiorava il nostro viso

nell’ultima, dolce carezza della sera.

Lea Silvia Pennacino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *