domenica, novembre 19, 2017
Home > Rubriche > Poesie > La poesia della settimana

La poesia della settimana


Dai vetri dell'autobus di Gabriella de Gregori


di Redazione - 28 ottobre 2017, 10:00

DAI VETRI DELL’AUTOBUS

Dai vetri dell’autobus,

mentre un benefico raggio colpisce

il volto crucciato

assonnato forse,

osservi:

il mare spinto da raffiche di vento

solleva spruzzi sopra le onde

ma stranamente, pigro, si srotola sulla spiaggia

delle cale sottovento…

lento morire di un anno inatteso

impensato.

Alla tua fermata scendi;

la lotta tra un ramo e il vento è finita

ora sul freddo delle piastrelle

il ramo sbrecciato dondola su stesso

il mare s’arriccia all’orizzonte

ma rotola in successione sulla sabbia umida.

Il ramo è caduto

il vento lo sospinge ancora un po’.

Con il suo carico di pigne.

Impressioni di uno spazio

Di tempo cadenzato da dodici mesi.

Ora lo spazio che ti sarà concesso

è di nuovo Tuo.

Raffiche di vento scuotono le fronde

Smeraldine

Sollevano e abbassano i rami.

Turbinio di movimenti

Mentre sai che i gabbiani

Erano sull’acqua a dondolarsi,

erano sul pontile a contrastare il colore scuro

della ruggine.

Lento, gustato pienamente il Tuo tempo

Finiscono questi giorni della tua esistenza;

Dall’albero si è staccato il

Ramo,

Dalla riva ha spiccato il volo un

Gabbiano solitario:

Qualcuno ha ritrovato il suo tempo

Come se tutto si fosse fermato

Ad aspettare.

Gabriella De Gregori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *