mercoledì, Ottobre 16, 2019
Home > Rubriche > Poesie > “La poesia della settimana”

“La poesia della settimana”

GIULLARE
Ti ho davanti
Vecchio giullare di sempre,
buffone di corte,
burattinaio di strada,
Rappresenti la farsa
Tristemente muovendo le dita
Fantocci logori,
stracciati e stanchi.
Son stanca anch’io,
per te,
diafana,
ho danzato e danzato
fino a non sentire più
né fame
né sete
né valori di vita.
Ho cantato e cantato
Fino a confondere parole e silenzi
e voci del mondo.
Ho taciuto e gridato.
mille volte son morta
e mille son nata
al tuo semplice cenno.
Ora son stanca.
Tornerà
ignaro,
un burattino
a muoversi lento al tuo tirar dei fili.
Sarà uguale il teatro
ma diverso l’attore:
abbandono la scena

Lea Silvia Pennacino

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *