giovedì, Ottobre 17, 2019
Home > Rubriche > Poesie > “La poesia della settimana”

“La poesia della settimana”

UNA MEDITAZIONE SUL NUOVO MILLENNIO

Eccolo, dopo che tanto lo abbiamo atteso, il nuovo millennio è già qui.

Le aurore degli anni duemila affollano il futuro, e scrutano dall’alto

tutti gli spazi dove ancora Babele si nasconde, tutti quei solchi che

ancora dividono le genti. E dopo aver scrutato, chiedono con dolore: –

Dove sei uomo, mentre il sangue continua a scorrere per le strade del

mondo. Dove hai riposto la ragione e il sentimento, e non li usi invece

per ravvivare il dialogo sapiente sull’uguaglianza delle vite umane. Dove

hai riposto il cuore, se ancora puoi permettere che all’improvviso, o

con indifferente lentezza, l’ala della morte scenda come una falce sulle

corolle di anemoni indifesi -. Poi, gridano ancora con forza: – Volate

albatri nell’azzurro del cielo, siate i messaggeri della libertà. E  voi,

pellicani che sapete strapparvi le piume dal petto, così per i figli come

per i fratelli, uscite allo scoperto, e mostratevi all’uomo perché impari

a fare altrettanto. E voi cormorani che avete sollevato il vostro sguardo

impietrito e pieno di condanna sulle sciagure provocate dall’uomo,

insegnategli a guardare, con la stessa intensa riprovazione, tutto il male

che deriva dalla perseveranza nell’agire in modo sconsiderato o in base

a interessi circoscritti – . E infine, con speranza, così le aurore invocano:

– Venite giorni di pane e di fiori. Cercate il seme della violenza e

soffocatelo, il seme dell’intolleranza e disperdetelo, il seme dell’odio e

Schiacciatelo. Date una mano alla speranza, date una voce alla poesia.

Essa libera e lieve, vento dell’anima e galassia di parole, vi aiuterà a

Seminare la geografia dell’universo con la limpida linfa dell’amore.

Franca M. Ferraris

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *