giovedì, Aprile 25, 2019
Home > Rubriche > Poesie > “La poesia della settimana”

“La poesia della settimana”

MESSAGGIO ALL’UMANITA’

Vorrei che t ti specchiassi un momento, o uomo

e che guardando la tua immagine rifletti, un momento

e che potessi tu chiederti che grande strumento sei diventato o uomo,

di vita, di morte, di odio o amore.

Vorrei che tu ti guardassi le mani o uomo

e che tu potessi vedere quanto sono sporche di sangue e di fango,

quanto sono agili nel defraudare la vedova e il ragazzo senza padre,

quanto son agili nell’adescare una donna non tua.

Vorrei che tu potessi trattenere fra le dita

i miliardi di lacrime che hai fatto versare o uomo,

ma non ci riesci, esse leste ti sgusciano fra le dita e innaffiano la terra

che si tinge di rosso e ti chiede ogni notte: ‘Come puoi dormire sereno?’

Vorrei che tu, o uomo, guardassi le orme che hanno lasciato i tuoi piedi

E potessi vedere quante vittime han mietuto le tue guerre inutili,

quanti orfani piangono per la tua sete di potere

quante vedove piangono inutilmente i loro cari,

quanti morti dalla terra ti puntano il dito contro urlando vendetta.

Vorrei che tu, o uomo ti inchinassi dinnanzi a Dio per chiedere perdono

e riconoscessi dinnanzi a lui dove ti ha portato

la tua superbia e il tuo orgoglio o uomo.

E vorrei che tu guardassi gli animali e la natura potessi capire

quanto sei piccolo e quanto hai ancora da imparare,

proprio da questa natura che stai distruggendo,

annientando con le tue stesse mani o uomo.

Ma ricordati che su di lei non avrai presa,

perché essa ti vincerà, ti combatterà con le tue stesse armi.

 Con la siccità, con la carestia, con l’inquinamento che tu stesso

hai causato o uomo che si rivolgerà contro di te

uccidendo i tuoi stessi figli ed ecco che potrai dire:

“Raccolgo quello che ho seminato”.

Lorenza Morelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *