lunedì, dicembre 18, 2017
Home > Rubriche > Poesie > La poesia della settimana

La poesia della settimana


Finestre aperte sul Monte Bianco di Santina Massimo


di Redazione - 25 novembre 2017, 10:00

FINESTRE APERTE SUL MONTE BIANCO

Dal bordo del traghetto,
privo d’umanità
l’illusione è una ventata:
d’acqua santa.
Polverina d’avanguardia;
è l’Anagrafe del: “delirio!”
ambulanze, auto e strade;
a pezzi s’insinuano i cadaveri;
del riciclaggio: fortunato!
A l’occhiello, ha la siringhina!
Nelle tasche dei pantaloni
Ha le mani, tutte tremolanti;
per la cura del piacere;
tutto: In delirio!
Chiodi e bare;
nelle suole,
consumate; dal Dolore.
Finestre aperte sul Monte Bianco;
dove echeggia;
la lussuria.
Porte chiuse sul Monte Nero;
dove vivono;
I cadaveri: “del Buco Nero”.

E, nelle vene del male;
piangono le cellule – malate.
Rivestite, da carni tumefatte;
di stenti e di pandrani, inzuppati;
di piscio!
Sinistroidi; sinistrati, nel branco;
di puro Giubileo; agguerrita di bella faccia;
e di regole ben motivate.
Dove ognuno ha le Sue lacrime, e le sue idee;
di buona e cattività esistenziale.

Nella lacuna della vita individuale,
regna la perdizione;
dei cadaveri riciclati dal tempo;
senza pietà alcuna;
la politica del Monte Bianco, schiaccia;
il traghetto del Monte Nero;
pieno di cadaveri;
All’occhiello!

Santina Massimo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *