lunedì, dicembre 18, 2017
Home > Rubriche > Poesie > La Poesia della settimana

La Poesia della settimana


Genesys di Paolo Paolini


di Redazione - 2 dicembre 2017, 10:00

GENESYS
Da là, dalle selve oscure
ove luce mai non giunse,
dalle brumose foschie notturne
che danno seguito
ad un temporale estivo,
da là giungo.

Dai lividi autunni fui generato,
e cieco fui, e ancora orbato sono,
sordo nacqui, e bene ancor non odo,
muto stetti, e balbulo rimango.
A lungo restai inane al moto,
e ancor manco mi sento,
e non meno claudico.

Chiara mi è la notte,
patrigno il giorno,
d’ispirazion m’è l’una
di giogo l’altro.

Quando avverrà dunque
che i miei due io,
l’un sottomesso e l’altro audace,
si faran cosa sola?

Da là giungo,
e altrove non cercarmi.

Che posso adunque gire
se il meritato sonno
e la giusta mercede
alfin non giungon?

Nulla se l’esser mio
di uman
ha le sembianze
e null’altro,
poiché sidereo
mi è il ragionare,
assai slegato dal terreno
e dagli astri legato e influenzato.

Genova, 11 Agosto 1999

Paolo Paolini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *