giovedì, Settembre 19, 2019
Home > Attualità > La produzione olivicola ligure si salva

La produzione olivicola ligure si salva

Annata negativa per la produzione dell’olio extravergine italiano. Le stime per la nuova campagna olivicola, che inizia in questi giorni, attestano un crollo produttivo di almeno il 38 per cento. Ciò che si temeva ed era stato messo in rilievo già durante l’estate è stato confermato dalle previsioni dell’Ismea – Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare -, per quanto riguarda l’Italia, alla Giornata nazionale dell’extravergine italiano, nelle giornate del “Villaggio contadino” al Circo Massimo di Roma, subito difuse da Coldiretti. Ad inclinare verso il basso è stato in particolare il sud e soprattutto la Puglia, regione di massima produzione dell’olio made in Italy. In tale contetso poco brillante, si salva, a quanto pare, la Liguria.

L’olivicoltura ligure ha indubbiamente tratto beneficio delle condizioni climatiche di una primavera abbastanza felice mentre altrove, nel Paese,si sono fatti sentire, in misura maggiore che in Liguria, dove pure vennero chiesti indennizzi,i danni delle gelate; sia nel nord della Puglia che nel centro Italia, in Liguria – a parte qualche problema legato alla grandine (ancora nei giorni scorsi in alcune valli dell’Imperiese) – la pioggia primaverile e il caldo estivo hanno contribuito al verificarsi di condizioni ideali ed hanno arginato il minaccioso e ricorrente attacco della mosca olearia. Per la piccola produzione ligure, minoritaria a livello nazionale, ci si aspetta un’annata di buoni risultati, sotto ogni riguardo e dovrebbe essere l’unica regione italiana a presentare un segno positivo. Federico Fresia, presidente imperiese dei frantoiani liguri -Aifo-. afferma che “siamo in controtendenza” ; i frantoi stanno iniziando la spremitura, spiega e, se le previsioni verranno puntualmente confermate, si potrà conseguire una produzione in grado di raggiungere “oltre il 50 per cento con olive belle, grandi e sane. Quantità e qualità: ho assaggiato il primo olio di taggiasca franto ed è strepitoso, anche la resa è ottima».

Riguardo al resto d’Italia, l’agronomo Alberto Grimelli e l’assaggiatore Marcello Scoccia capo panel asssaggio, così si esprimono: «Situazione molto difficile, con una netta spaccatura tra sud e centro nord. Il sud che è sempre stato il bacino produttivo italiano quest’anno paga il passaggio di Burian che ha devastato queste regioni, in particolare il nord barese che rappresenta la nostra Andalusia. A rovinare l’annata la combinazione di Burian, il vento siberiano di febbraio-marzo, e di venti caldi sciroccali, accompagnati da piogge, durante la fioritura. Condizioni meteo che hanno colpito come detto più duramente il sud Italia, ovvero le tre regioni dove si concentra l’80% della produzione nazionale: Puglia, Calabria e Sicilia».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *