martedì, Gennaio 21, 2020
Home > Musica > “La profezia di Colombo” al teatro Don Bosco

“La profezia di Colombo” al teatro Don Bosco

“A professìa de Colombo” sarà la commedia dialettale in tre atti, di Antonella Risso e Gian Solimano, che allieterà la sera di oggi(e domani pomeriggio seguente) gli spettatori del teatro Don Bosco di Savona. Tutto nasce in un piccolo borgo genovese, dove tante famiglie che vivono in povertà si barcamenano alla meno peggio cercando di sperare in un futuro migliore. Tra tanti nuclei familiari, c’è la famiglia Capurro: il protagonista sognerà nientemeno che Cristoforo Colombo il quale, su un piatto d’argento, gli offrirà quattro numeri sicuri da giocare al lotto. Diventerete ricchi sfondati, gli predice, però poi succederà anche qualcosa di tremendo!

La prima parte della profezia si realizza, ed ecco la ‘povera’ famiglia trasferirsi in una casa di città, con tanto di servitù. Ma siccome le radici sono quel che sono, ecco di fronte agli spettatori tutte le difficoltà, e la comicità conseguente, di chi s’inventa d’essere nato ‘signore’. Per di più su tutto pesa la terribile profezia… Si avvererà anche questa? Per saperlo, basterà trascorrere alcune piacevoli ore del week-end agli ex Salesiani, con la compagnia ‘Teatralnervi’ di Genova (nella foto in una commedia di repertorio). Intanto, la compagnia di casa, ‘La Torretta’ di Savona, ha sfornato una nuova commedia brillante dialettale che ha rallegrato il pubblico intervenuto la sera di sabato 9 marzo ed il pomeriggio di domenica 10. ‘Il cacciator del bosco’ di Lorenzo Morena è stata una bella rappresentazione, ricca di colpi di scena. La ‘povera’ Leonilde interpretata da Rosalba Bruzzone faceva quasi tenerezza, mentre si beveva tutte le frottole che le sciorinava il marito. Ora inceppava in una bugia? Bene, eccola nuovamente credulona e disposta a concedergli ancora credito, mentre la trama s’infittisce e i nodi paiono venire al pettine. Lo spasimante Bormioli, interpretato dal regista Morena totalmente calato nella parte, deve faticare non poco per convincere l’amata a raggiungerlo nell’albergo fuori città, anche se poi si vedrà costretto a trascorrere la notte da solo, visto che lei si è convinta ancora una volta che il consorte le sia fedele e che quindi non debba restituirgli il torto.
Ma nel finale il vero grullo sarà il marito (un Aldo Curti dal tempismo eccezionale), che travisa addirittura il contenuto di una lettera che la moglie ha indirizzato a Bormioli. Paola Rebagliati nei panni della domestica Serafina dà lustro ad un personaggio minore, il nipote Baldo (Marco Ventura) è credibilissimo nella sua spontaneità, il Castrofilippo di Bruno Freccero è pure lui un personaggio un po’ tonto, che fatica a comprendere le cose e va vanti per la sua strada. A completare il cast, ecco Gianna Marrone che si muove a suo agio nel ruolo della contessa De Lucis, nobile decaduta, mentre Giulio Tassara ci regala un commissario verace che confonde destra e sinistra…

Laura Sergi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *