Attualità

La proroga di cinque anni non soddisfa i balneari

La proroga inserita nel Decreto Sviluppo e portata all’esame della Commissione Industria del Senato per allungare le concessioni demaniali di 30 anni, è stata modificata, e approvata all’unanimità, con l’abbassamento a 5 anni. Una misura che ha dovuto però incassare il “no” della Commissione Bilancio e del Governo che sul maxi emendamento al Decreto Sviluppo in discussione nella giornata di oggi in aula sarebbe intenzionato a chiedere la fiducia su un testo che potrebbe nuovamente prevedere il via libera alle gare pubbliche per le concessioni balneari.

La riduzione dei termini sarebbe stata decisa nel tentativo di rendere più semplice un’eventuale mediazione fra il Governo e la Commissione Ue che con la Direttiva Liberalizzazioni prevede l’assegnazione delle concessioni attraverso bandi di gara. Questo ha innescato un contenzioso con l’Italia che dura da anni (nel 2008, Bruxelles aveva aperto una procedura di infrazione sulle concessioni ai balneari, e solo l’adozione di una legge nel novembre 2011 che eliminava di fatto il rinnovo automatico delle concessioni aveva cancellato il procedimento comunitario).
L’esito di quanto deciso dalla commissione Industria, ritenuto soddisfacente per le associazioni di consumatori, è stato vissuto come una doccia fredda dai titolari dei bagni marini savonesi che avevano contato sulla ben più lunga proroga trentennale. “Questo è uno stillicidio senza fine per noi – dice il presidente regionale Sib Enrico Schiappapietra (nella foto) – ; non sappiamo nulla di quello che succederà, se gli investimenti da noi fatti, nel caso in cui ci fossero le gare, verranno risarciti in qualche modo. Il Governo, che approva la decisione, non si è neppure reso disponibile per una trattativa. E’ una situazione assurda, tanto più assurda se si considera che la Spagna ha avuto una proroga di 40 anni e aperture simili sono state fatte per Grecia e Croazia”. 
Al plauso delle associazioni di consumatori che vedono nella direttiva Bolkestein e nell’indizione di gara pubblica per le concessioni demaniali  la via verso una maggiore concorrenza, con conseguente ricaduta positiva sui prezzi per gli utenti, e un’apertura per i nuovi operatori che  vogliono entrare nel mercato Schiappapietra replica: “Non è una chiusura ai nuovi che vogliono entrare. Il 30% delle coste italiane non è usufruibile perché roccioso, il 15% e composto da stabilimenti balneari, il resto è libero e può essere aperto a nuovi operatori con nuove concessioni”.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: