Home > Attualità > La Provincia ci riprova

C'è tempo sino al 10 luglio per le aste di vendita di immobili dismessi

La Provincia ci riprova

C'è tempo sino al 10 luglio per le aste di vendita di immobili dismessi

Scade il prossimo 10 luglio l’asta di vendita, proposta dalla Provincia di Savona, per la cessione di alcuni importanti e storici edifici, di sua proprietà, si tratta di un complesso di immobili di vasta superficie: Villa Gavotti a Legino, ex Albergo Miramare di via Famagosta, oppure l’ex Provveditorato agli Studi di via Trilussa o, ancora, l’ex casa cantoniera di Calizzano. Le stime di valore degli immobili in vendita sono state sensibilmente ed opportunamente abbassate, a seguito della serie di tentativi di vendita andati precedentemente deserti: così l’Amministrazione Provinciale riprova a mettere sul mercato le proprietà ritenute non più utilizzabili ai fini della propria attività.  Una prima serie di gare di gare è in scadenza il prossimo giovedì 11 luglio ricordando che le offerte vanno però presentate al protocollo di Palazzo Nervi entro le ore 12 di mercoledì 10 luglio.

In vendita, per 1 milione 249 mila euro, con un ribasso di oltre mezzo milione sulla precedente stima, l’ex caserma Carmana ed ex Enaip di via Famagosta, edificio oggi in disastrosa rovina, che a suo tempo – sino al 1930 – aveva ospitato l’Albergo Miramare, fondato nel 1880 come “Albergo Pensione Miramare”, a servizio dell’omonimo e sottostante stabilimento balneare e complettao ai primi del Novecento, che rimane compreso nelle ipotesi di recupero urbanistico del complesso storico di San Giacomo e del dismesso terminal Miramare delle Funivie. Il complesso – circa 3 mila metri quadrati – è dal 2007 vincolato dal ministero dei Beni culturali.

Di più recente costruzione è invece l’edificio di via Trilussa che, sino al 2010 ha ospitato il Provveditorato agli Studi: un immobile di cinque piani, per una superficie complessiva di 1.087 metri quadrati, offerti per 1 milione di euro rispetto alla valutazione precedente di quasi 1,5 milioni. Il bando di vendita precisa, per questo come per gli altri immobili, che saranno accettate solo proposte d’acquisto in aumento o almeno pari alla base d’asta.

Stima inferiore, invece, per Villa Gavotti a Legino, valutata ora a 700 mila euro, con una vistosa decurtazione di mezzo milione rispetto alle valutazioni precedenti, il cui degrado comincia a versare in condizioni preoccupanti. L’edificio ha una superficie commerciale di 1.410 metri quadrati su 3 piani più ammezzato, con cortile di 1.700 metri quadrati; dal 1991 è vincolato dal ministero dei Beni culturali. Completa il quadro delle aste programmate per l’11 luglio l’ex casa cantoniera di Calizzano, in via Matteotti, messa in vendita a 200 mila euro rispetto alla precedente base di 244 mila; l’edificio è di tre piani fuori terra per una superficie lorda di 680 metri quadrati, da cui erano stati ricavati quattro alloggi, un ampio sottotetto e cantine. Speriamo che non manchino i “Paperoni” che possano sottrarre tali beni al loro inesorabile destino di abbandono.

 

Foto: ex casa cantoniera a Calizzano

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *