domenica, Febbraio 24, 2019
Home > Cultura > Attualità > La Provincia di Savona vende

La Provincia di Savona vende

Diminuito il valore del pregevole patrimonio immobiliare della Provincia


di GIORGIO SIRI - 26 Gennaio 2019, 9:47

La Provincia di Savona, che qualcuno per “metonimia topografica” o per riferimento “odonimico”, per stare nei luoghi della grammatica, chiama “Palazzo Nervi”, pur, a proposito di luoghi, il famoso ingegnere Pier Luigi Nervi (1891-1979), “il poeta del cemento armato”, non essendone affatto l’autore, ebbene la Provincia, a nuova presidenza di Pierangelo Olivieri, ha deciso di ritornare sul programma triennale di dismissione degli immobili di cui è proprietaria ma che prevede di non utilizzare per lo svolgimento delle funzioni rimaste di propria competenza. Si tratta degli stessi beni che figuravano nel piano che di anno in anno viene approvato, in pratica in fotocopia, perché sinora i tentativi di vendita sono andati deserti. La novità sostanziale dell’anno è rappresentata dall’ atteggiamento più concreto dell’ l’Amministrazione provinciale nella considerazione del valore commerciale dei propri immobili, dei quali ha infine diminuito le stime di valore che, pur non esagerate, non erano state sicuramente viste come allettanti dai possibili compratori e, pur se l’alienazione di immobili, parecchi di notevole valore, non possa propriamente essere ritenuta saggia, è probabilmente necessaria, per i reggitori della Provincia, che, facendo affidamento sugli autovelox, vili, beffardi e ingannatori, non hanno evidentemente da questi ricavato quanto si aspettavano, pur avendo sicuramente riscosso una bella somma!

La riduzione apportata al valore del patrimonio immobiliare, che si riflette sulla consistenza del patrimonio della Provincia di Savona, è stata sensibile: da 8,8 a 6,1 milioni di euro.

Il pezzo più “pregiato” è rappresentato dalla villa con parco che in via Amendola, nel quartiere savonese della Villetta, ospitava le attività del centro di formazione professionale Varaldo; il complesso è ora valutato a 1,5 milioni di euro con una drastica revisione rispetto ai precedenti 2,5 milioni. Si tratta di un immobile di notevole pregio, situato tra i quartieri di Villetta e Valloria, di 2.400 metri quadrati, distribuiti su tre piani, con un parco di 4.600 mq, con vista mare.

Si attesta invece a 1 milione 249 mila euro, con uno “sconto” di oltre mezzo milione, la valutazione dell’ex caserma Carmana di via Famagosta che, in precedenza,aveva ospitato l’Albergo Miramare, tra i più frequentati nella Savona di un tempo, che in modo ricorrente compare nelle ipotesi di recupero urbanistico del complesso storico di San Giacomo e del dismesso terminal Miramare delle Funivie.  Di più recente costruzione è invece l’edificio di via Trilussa che ospitava il Provveditorato agli Studi: cinque piani di proprietà, stimati ora 1 milione di euro rispetto alla valutazione precedente di quasi 1,5 milioni. Sotto questa cifra c’è Villa Gavotti a Legino (700 mila euro anziché 1,2 milioni) il cui degrado comincia a preoccupare, e l’ex caserma della Guardia di Finanza di via Accinelli, a Varazze, valutata anch’essa 1 milione di euro, con una riduzione meno accentuata rispetto alla vecchia stima (1 milione 145 mila euro) per 1.500 metri quadrati di superficie commerciale.

Anche in alta Valle Bormida la Provincia possiede due immobili di un certo pregio : l’ex casa cantoniera di Calizzano, in via Matteotti, stimata 200 mila euro, dai precedenti 244 mila, e l’ex centro faunistico Cascina Piagna, nel Comune di Bormida, valutato a 150 mila euro rispetto ai 191 mila

Con l’aggiunta di altre ex case cantoniere, magazzini e di reliquati stradali si arriva al totale: 6 milioni 073 mila euro, ovvero circa 2,7 milioni in meno rispetto ai precedenti 8 milioni 647 mila euro. Si tratta ora di attender le reazioni del mercato immobiliare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *