mercoledì, Luglio 17, 2019
Home > Economia > LA QUESTIONE DEI MINI-BOT

LA QUESTIONE DEI MINI-BOT

Il 28 maggio scorso gli pseudoeconomisti della Lega, sostenitori dell’ Italexit, Claudio Borghi Acquilini, Alberto Bagnai e Antonio Maria Rinaldi, hanno presentato, alla Camera dei Deputati, una mozione (approvata all’unanimità) che impegnava il governo all’assunzione di: ‘’Iniziative per l’ampliamento delle fattispecie ammesse alla compensazione tra crediti e debiti della pubblica amministrazione, oltre che la cartolarizzazione dei crediti fiscali, anche attraverso strumenti quali titoli di Stato di piccolo taglio’’. Tale mozione è stata immediatamente festeggiata da ‘’Scenari economici’’, il sito fondato da Antonio Maria Rinaldi, neo europarlamentare della Lega. Il piano era quello di creare una moneta parallela che potesse sostituire, al momento opportuno, l’Euro, uscendo dalla moneta europea e, successivamente, dalla UE. Anche se gli interessati hanno negato che questo fosse l’obbiettivo finale, non c’è dubbio che il “famoso piano B per uscire dall’Euro” elaborato dal dott. Paolo Savona [contrario, fin dalla firma, al trattato di Maastricht del 1992] prevedeva, come primo passo, la creazione di una moneta interna parallela all’Euro. Successivamente, con un blitz notturno da attuarsi un venerdì notte a borse chiuse, ordinare alle banche italiane di convertire nominalmente tutti i depositi da Euro in lire (con cambio alla pari). Poi si devono attendere le reazioni dei mercati internazionali che, ovviamente, svaluteranno la nostra moneta e tutti quelli che hanno oggi dei risparmi bancari italiani in Euro, si ritroveranno ad avere subito perdite valutate in circa il 30-40%. La giustificazione che danno i fautori dell’Italia-exit è che, essendo l’Italia un paese esportatore, le nostre aziende si troverebbero a vendere all’estero con prezzi molto agevolati. Dimenticano questi signori che la UE è un mercato unico, uscire dalla UE significa affrontare i dazi che i Paesi applicherebbero immediatamente sulla merce in arrivo dall’Italia. Non a caso la Brexit non è ancora riuscita a decollare a causa dei mancati accordi doganali fra Regno Unito al di fuori della UE ed i Paesi che ancora rimangono nel mercato unico europeo. Ieri 12 giugno, il Ministro dell’economia Giovanni Tria, in un intervento ufficiale alla Camera parlando dei mini-bot, ha affermato testualmente : ” L’emissione dei minibot comporterebbe l’aumento immediato del debito pubblico poiché se utilizzati per far fronte ai debiti commerciali connessi alla fornitura di beni e servizi sarebbero considerati come passività finanziaria tout court e quindi contabilizzati nel debito delle pubbliche amministrazioni…si avrebbe quindi un corrispondente aumento del fabbisognio finanziario”. Quindi ha concluso che i mini-bot non saranno mai posti in essere da questo Governo. Mi accingevo a tentare una piccola spiegazione sull’argomento quando ho letto un post pubblicato dall’avv. Fabrizio Ivaldo sul proprio sito. Poichè l’ho ritenuta una spiegazione estremamente sintetica e chiara, molto di più di quanto non sarei capace di fare io, che sono leggermente (molte volte, non solo leggermente) prolisso, ho chiesto all’autore di permettermi di pubblicarla. Avutone il consenso, pongo di seguito le considerazioni dell’avv. Ivaldo.

“…Proviamo a spiegare in poche parole perché i minibot sono una bufala.
Io sono creditore dello Stato, diciamo, di 100 euro: se lo Stato non mi paga, evidentemente, è perchè quei 100 euro in cassa non li ha. Allora, anziché lasciarmi lì ad aspettare mi mette in mano un minibot del valore facciale di 100 euro. A questo punto, in teoria, ci sarebbero tre possibilità:
1) Il minibot è convertibile 1/1. Questo vuol dire che io vado alla direzione provinciale del Tesoro e mi faccio pagare il minibot come se fosse un assegno. Ma se abbiamo detto che lo stato quei 100 euro in cassa non ce li ha, come fa a pagarmeli ? Evidentemente dovrebbe farseli prestare da qualcun altro: il risultato sarebbe esattamente come se lo stato finanziasse il pagamento dei propri debiti emettendo bot e aumentando la stock di debito pubblico fino a rendere il proprio indebitamento ingestibile. Quindi, questa ipotesi non è percorribile !
2) Il minibot non è convertibile, ma può essere portato in compensazione con miei debiti verso lo Stato. Sarebbe una estensione generalizzata dell’attuale regime di compensazione fra tasse e crediti verso l’erario, che oggi è sottoposto a dei limiti sempre perché se no lo Stato non ha i soldi in cassa. Stesso problema di prima: lo Stato dovrebbe alla fine pagare i debiti facendo altri debiti.
3) Lo Stato non rimborsa i minibot e non permette di compensarli oltre le soglie attuali. I minibot, però, a quanto pare di capire, sarebbero al portatore, per cui io porto il mio minibot da 100 euro in banca e me lo faccio scontare: diciamo che la banca mi da 90 euro e trattiene 10 euro di commissione. A questo punto, io ci ho rimesso dieci euro pur di avere la liquidità; la banca anziché comprare 100 euro di bot che rendono l’1% ha comprato a 90 un minibot da 100 e quindi mette a bilancio una plusvalenza di 10 e, alla fine, è l’unica che ci guadagna.
Morale: l’unico modo di uscire da questo circolo vizioso sarebbe che lo Stato, anziché stampare i minibot, recuperasse il sodi per pagare i creditori tagliando le mancette e le spese inutili e intervenendo davvero sulle disorganizzazioni della burocrazia che sono causa di enormi sprechi di tempo e denaro…”. (F. Ivaldo)
Sempre ieri Salvini ha anche pensato ad intrufolarsi nelle cassette di sicurezza custodite dalle banche per trovare i capitali giacenti inutilizzati. Primi che la proposta diventi legge vedremo la gente fare la fila davanti alle banche per ritirare i depositi e nascondere i soldi nei materassi. Poi l’ineffabile Ministro degli Interni ordinerà le perquisizioni dei nostri letti …und so weiter… come dicono i Berliner philharmoniker quando suonano “Perpetuum mobile”, lo scherzo musicale di Johann Strauss (figlio).
(Lorenzo Ivaldo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *