Cultura e Musica

LA QUESTIONE DI FIUME

La questione di Fiume - D'Annunzio
La questione di Fiume – D’Annunzio

Alla fine della Prima Guerra Mondiale, durante la conferenza di pace a Versailles, la città di Fiume,
con la popolazione a maggioranza italiana, viene assegnata alla Jugoslavia. D’Annunzio, con un corpo di volontari, occupa la città. Il governo italiano deve fare rispettare il trattato di pace di Versailles e invita D’Annunzio e i suoi volontari ad abbandonare Fiume, cosa che D’Annunzio si guarda bene dal fare.
Nel novembre del 1920, con il Trattato di Rapallo, Fiume diventa “Stato libero”. D’Annunzio non riconosce il Trattato di Rapallo. L’Italia pone il blocco alla città e D’Annunzio dichiara guerra al Regno d’Italia. L’esercito italiano attacca i volontari di D’Annunzio e occupa Fiume nel dicembre del 1920.
Nel 1924, con il Trattato di Roma tra Jugoslavia e l’Italia, la città di Fiume viene annessa all’Italia.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: