Attualità

La raccolta dei rifiuti semina zizzania…

La differenziata, importante, utile se non essenziale, solleva comunque malumori, scontenti e polemiche, per come è attuata, che investono anche le sfere alte delle Amministrazioni comunali, nelle sedi in cui si decide l’assegnazione del compito della raccolta. Sembra che quasi si venisse addirittura alle mani, questa mattina, 11 settembre, nell’aula dei Comuni, presso la sede della Provincia di Imperia! I litiganti erano i sindaci di Andora, Mauro Demichelis e di Diano Marina, Giacomo Chiappori. Oggetto della discussione , o della lite, il tema della raccolta consortile dei rifiuti;com’è noto, Diano Marina non aveva preso parte alla firma dell’accordo sull’”ambito” del quale è capofila il Comune di Andora. Il Sindaco Chiappori aveva precisato la posizione del Comune di Diano, lunedi 4 settembre scorso. Così si era espresso: “C’è un ricorso al Tar e, come ho già detto al presidente della Provincia, ci sono aspetti da rivedere sulla proposta. Tengo a chiarire però che io sono un fautore dell’ambito, ma fatto in un altro modo, prevedendo per esempio la possibilità di formare una società in house, per non ritrovarsi come quattro anni fa con l’esperienza Tradeco”.
Nello stesso tempo il Consiglio comunale di Diano aveva approvato l’acquisizione delle quote ATA, l’azienda savonese che attualmente gestisce il servizio anche a Diano Marina e in altri comuni del golfo e della valle Arroscia.
“Le quote ATA le abbiamo acquistate proprio per tutelarci – spiegava Chiappori – in modo che, anche se non si riuscirà a fare la gara entro il 2021, il servizio sarà garantito a Diano, ma anche in altri comuni che vogliono continuare ad andare avanti con ATA”.
Da lì la discussione, senza mezzi termini. In merito, il sindaco di Andora, Demichelis, ha affermato: ” “L’iter per il progetto per il servizio di raccolta rifiuti del bacino Andorese e Dianese applica la normativa, è trasparente e condiviso dalla maggior parte dei comuni. Diano Marina, smetta di fare i capricci. Sette comuni hanno approvato a maggioranza il progetto definitivo per il servizio di raccolta e trasporto rifiuti solidi urbani del Golfo Dianese e Andorese. I cittadini attendono una raccolta innovativa, che potenzi la differenziata e che risponda alle esigenze attuali dei loro territori. Visto che, a parte i toni altisonanti dei suoi interventi, le motivazioni di Chiappori, a sostegno dell’affidamento in house del servizio, sono apparse deboli e non se ne vedono i vantaggi concreti, chiedo alla  Provincia di Imperia di autorizzare i comuni disponibili, a proseguire la gestione associata in autonomia, in modo che si possa indire subito la gara, senza perdere altro tempo. Abbiamo applicato la normativa alla lettera, questo stallo è inaccettabile ”.
Il progetto definitivo è già stato approvato, a maggioranza, il 4 settembre scorso con il voto favorevole di Andora, Cervo, Cesio, Chiusanico, San Bartolomeo al Mare, Stellanello e Testico. Astenuti i comuni di Villa Faraldi e Diano Arentino che, dopo opportuna valutazione, si erano dichiarati disponibili alla discussione in merito alla convenzione per indire la gara.
Nel corso della riunione di questa mattina, il sindaco di Diano Marina Giacomo Chiappori, ha ribadito in ogni caso la propria contrarietà, malgrado quanto già deciso dalla maggioranza dei comuni. 
Il progetto di gestione condivisa del servizio, infatti, era stato avviato nel 2016, dopo l’invito della  Provincia di Imperia all’Unione Valmerula e Montarosio, di cui è Presidente il sindaco Demichelis, ad accogliere anche i comuni dell’Ato (Ambito Territoriale Ottimale) imperiese per mettere in atto ciò che sarebbe divenuto obbligatorio e operativo nel 2020. Il Comune di Andora venne designato come capofila, con l’accordo di tutti i partecipanti.
Dopo la firma del primo schema di convenzione, l’iter è proseguito, secondo la normativa regionale, che prevede l’approvazione del progetto definitivo e la scelta della modalità attraverso la quale affidarel’appalto del servizio. Diano Marina, aveva proposto di realizzare una società in house per la gestione diretta, ma il 23 giugno, la maggioranza dei comuni, ha votato e deciso di bandire una gara, preferendola alla società a partecipazione pubblica.
“Andora ha messo a disposizione la competenza dei propri uffici, tempo e risorse e non è disposta a tollerare questo stallo che, malgrado i ricorsi, non ha concreti motivi tecnici – prosegue Demichelis – La sostanza dei fatti è questa. Sette comuni del Bacino Dianese e Andorese, il 23 giugno, hanno votato, come da norma di legge, per bandire una gara pubblica per l’affidamento del servizio, che garantisca velocità e controllo diretto. Il 4 settembre scorso, è stato approvato a maggioranza il progetto definitivo. Mi ripeto: qui c’è in ballo una diversa prospettiva sulle cose. Andora ha accettato perché era interessata a creare un servizio di raccolta rifiuti efficiente, senza dare vita al solito carrozzone che dispensa poltrone, come sono state in passato alcune società a partecipazione pubblica. La Provincia di Imperia si assuma le sue responsabilità, tuteli gli interessi dei cittadini e dei comuni che, secondo quanto prevede la legge, hanno intrapreso questo cammino con l’obiettivo di ottenere servizi migliori per i loro territori”.
Intanto il prossimo giovedì, su proposta di Giulia Colangelo, segretaria delle Province di Imperia e Savona, i segretari dei comuni raggruppati nell’ambito si riuniranno per tentare di redigere un nuovo accordo sulla convenzione.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: