mercoledì, Ottobre 16, 2019
Home > Rubriche > La salute, un bene inalienabile

La salute, un bene inalienabile

Salute. Una parola che pesa come un macigno e definita nel 1946 dall’ONU come stato di benessere psicofisico e non semplicemente assenza di malattie, una parola che è rappresenta un diritto fondamentale.
Quando si parla di salute, è bene far riferimento all’OMS, agenzia dell’ONU istituita nel 1948 per far raggiungere a tutte le popolazioni un livello di salute il più elevato possibile. La salute viene considerata più un mezzo che un fine, risorsa che consente alle persone una vita serena e produttiva. Per millenni la malattia è stata considerata un fenomeno magico religioso: solo nell’antica Grecia, con Ippocrate, inizia una medicina razionale fondata sull’osservazione, senza, però, basi scientifiche.

Il concetto di salute globale porta con sé la concezione di persona come unità psicofisica in relazione all’ambiente circostante, che prende il nome di “educazione alla salute” e “medicina della persona “.

Il 22 Aprile si celebra anche la giornata della salute donna promossa da Atena,il giorno prescelto è quello della nascita della scienziata Rita Levi Montalcini, premio Nobel per la Medicina nel 1986. Quest’anno ci sarà un primo bilancio delle azioni avviate col Manifesto per la Salute voluto dal Ministro Beatrice Lorenzin. Le donne sono così “dolcemente complicate”, come dice una canzone di Fiorella Mannoia.

La donna, più fragile, ma più adattabile, nata per la maternità, ha ormoni per la riproduzione che la proteggono e ne giustificano i 5 anni in più di vita, mentre gli ormoni maschili si perdono lentamente, quelli delle donne si perdono di colpo in menopausa.
Tutelare le donne significa favorire l’intera famiglia e la collettività. Come?  A prendersi cura della salute delle donne si inizia dalla nascita attraverso screening e vaccinazioni; la prevenzione prosegue in adolescenza a Scuola con educazione alla salute; in età adulta con buona attività fisica, screening e visite periodiche sino alla terza età. Con la menopausa che segna un cambiamento nello stile di vita (vampate, depressione,ansia, cattivo sonno, difficoltà concentrazione), si ha un progressivo declino fisico, che si può comunque monitorare. Inutile dire che il fumo è estremamente nocivo, soprattutto durante la gravidanza.
E’ fondamentale comunque affidarsi al proprio medico, non solo per le scelte cliniche e diagnostiche, ma anche per le scelte di vita.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *