Attualità

La Soprintendenza inquilino abusivo

Nonostante due anni di tentativi, il Comune di Vado Ligure non riesce a strattare un inquilino che occupa, senza averne titolo, dicono, un pezzo di palazzo comunale, non paga l’affitto e rifiuta di riconsegnare le chiavi. Il problema è che non si tratta di un inquilino qualunque: scritto per esteso è la Soprintendenza all’Archeologia, Belle Arti e Paesaggio della Città Metropolitana di Genova e delle Province di Imperia, La Spezia e Savona, un nome che, al solo pronunciarlo, potrebbe incutere timore reverenziale! Ma porebbe essere in grado di provocare l’esasperazione, come è successo all’Amministrazione comunale che, esaurita una serie di scambi epistolari inconcludenti, ha deciso di rivolgersi ad un avvocato per sfrattare l’occupante abusivo. Che è poi l’unico modo per poter liberare l’immobile, tenuto conto che non è neanche possibile mettergli i “mobili sulla strada”, come si dice, in quanto i locali sono pieni di reperti archeologici.

Al centro della contesa è un seminterrato di 67 metri quadrati occupato dalla Soprintendenza come deposito di materiale archeologico di proprietà dello Stato. Nel 2016 il Comune aveva chiesto di regolarizzare la locazione, in quanto mancava qualsiasi atto al riguardo. La Soprintendenza aveva replicato ricordando che nel magazzino erano custoditi reperti ritrovati sul territorio del Comune di Vado Ligure, a proposito dei quali le precedenti amministrazioni avevano espresso la volontà che fossero conservati sul posto. No, caro inquilino, era stata la risposta del Comune, questo è materiale di proprietà dello Stato, privo di “utilità per la comunità locale”, per cui l’uso dei locali poteva essere concesso solo a titolo oneroso, cioè pagando l’affitto.

Controreplica della Soprintendenza: perché non portate il materiale archeologico a Villa Groppallo, dove c’è il museo civico, o in qualche altro sito idoneo dove potrete valorizzarlo? Altro diniego del Comune, perché i magazzini di Villa Groppallo sono già strapieni, e il perentorio invito a sgomberare il seminterrato. Intimazione rimasta senza seguito, fino all’ingaggio di un avvocato, Noel Della Luna di Varazze, perché con le buone o con le cattive ottenga lo sgombero dei locali. Resta da capire che fine faranno i reperti! Forse un giorno ci si mangerà le mani per aversene voluto disfare!

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: