domenica, Febbraio 24, 2019
Home > Cultura > Attualità > La SS.Trinità entra nell’oratorio di via Guidobono

La SS.Trinità entra nell’oratorio di via Guidobono


di - 2 Dicembre 2015, 9:34

L’arciconfraternita della Santissima Trinità sarà accolta dalla confraternita dei santi Giovanni Battista, Evangelista e Petronilla con cui inizierà un percorso comune. Come anticipato in anteprima esclusiva sul numero di dicembre de Il Letimbro, sabato prossimo 5 dicembre, nell’oratorio di via Guidobono a Savona, il vescovo Vittorio Lupi accompagnerà le “cappe rosse” nel loro ingresso ufficiale celebrando la Messa alle 17. Sarà un momento molto importante per la vita confraternale e più in generale per la diocesi. Nel concreto questo passo rappresenta l’ultimo tassello della complessa vicenda legata alla chiesa di santa Rita: restava infatti da trovare una nuova collocazione per l’arciconfraternita della Santissima Trinità che dopo infinite peregrinazioni (dal sito originario del Priamàr a san Filippo Neri, passando per altri oratori, tutti distrutti nel corso dei secoli) e dopo mezzo secolo ospite al Cristo Risorto, nel 1995 aveva trovato casa proprio nella chiesa di N.S. della Consolazione e santa Rita prestando un servizio ventennale all’intera comunità dell’Oltreletimbro. Scaduta la convenzione fra Agostiniani e Diocesi e subentrata la comunità ortodossa, le “cappe rosse” avevano così posto nelle mani del Vescovo la loro disponibilità a proseguire il proprio servizio altrove. Alla luce della situazione diocesana, con la scelta di puntare su Unità pastorali e occasioni di collaborazione, monsignor Lupi aveva sollecitato le confraternite ad avviare un cammino comune, operando in armonia al servizio della chiesa e dell’intera 2 comunità. Così, grazie alla disponibilità della confraternita di santi Giovanni Battista Evangelista e Petronilla, si è deciso di intraprendere questa strada di unità che, nel concreto, porterà benefici ai tantissimi fedeli che già frequentano l’oratorio rafforzando l’attuale servizio pastorale. Proprio mentre inizia l’Anno santo della Misericordia e il Papa richiama tutti i cristiani ad “accogliere, servire e amare con le proprie capacità l’altro”, l’oratorio ha l’occasione per diventare un vero centro di spiritualità. “Credo sia una testimonianza significativa per il nostro mondo anche perché potrebbe essere l’esempio per altre realtà – afferma a Il Letimbro Milly Venturino, priore diocesano nonché consorella della SS.Trinità – operando insieme si realizza quell’amore confraternale sempre auspicato”. Soddisfatti e convinti della scelta anche i confratelli dei santi Giovanni Battista, Evangelista e Petronilla: “Papa Francesco nella sua infinita saggezza mette l’accoglienza fra le prime opere di un buon cristiano – spiegano – la nostra confraternita ha fatto proprie le parole del santo Padre e ha accolto nel suo oratorio gli amici della Santissima Trinità che in attesa di una definitiva sistemazione non aveva un’idonea collocazione. Benvenute cappe rosse!”. “Dopo un periodo di incertezza – commenta infine Mirella Borrozzino, priore dell’arciconfraternita – dobbiamo essere riconoscenti al Signore e agli amici di via Guidobono per il cammino di comunione che stiamo per iniziare assieme”. Ulteriori dettagli nell’articolo su Il Letimbro di dicembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *