martedì, Ottobre 22, 2019
Home > Attualità > La vicenda Alassio Parking infiamma, ad Alassio,la campagna elettorale per le comunali

La vicenda Alassio Parking infiamma, ad Alassio,la campagna elettorale per le comunali

La “Stadio Alassio Parking Srl”, con richiesta avanzata in data 29 luglio 2016, chiedeva la condanna del Comune di Alassio al pagamento dei danni procurati alla società dal “project financing”, per la realizzazione del nuovo Stadio Ferrando, con box e parcheggio opere a suo tempo definite a costo zero dagli amministratori comunali, reclamando un ammontare di 5,5 milioni di euro di danni.

La sentenza di giovedì 24 maggio scorso pronunciata dal giudice di primo grado del Tribunale di Savona, condanna Il comune al pagamento di 2,9 milioni di euro, somma che con interessi e spese legali potrà raggiungere i 3,5 milioni di euro.Il Sindaco uscente Enzo Canepa commenta: “Guai che abbiamo ereditato dall’amministrazione Melgrati”. Si è aggiunto, a riguardo della vicenda, il commento del candidato sindaco della Lista “Alassio volta pagina”, Giovanni Parascosso, che così si è espresso: “Se tale sentenza sarà confermata in tutti i gradi di giudizio saremo di fronte ad un costo complessivo di circa 3,5 milioni di euro, ossia circa 325 euro per ogni Alassino, soldi che dovranno essere pagati dai cittadini e comunque distolti da servizi, migliorie urbane e iniziative turistiche. Il sindaco uscente Canepa, che non è stato in grado in questi anni di affrontare adeguatamente la situazione, cerca di distogliere ora l’attenzione dalle responsabilità che hanno anche membri della sua giunta come il suo attuale vice-sindaco Piero Rocca e, in certa misura, anche l’allora consigliere e attuale assessore Angelo Vinai. Questi signori, all’epoca assessori e consiglieri della maggioranza Melgrati come Loretta Zavaroni e Rocco Invernizzi, sono tutti corresponsabili della cattiva gestione di questa vicenda (a partire dalla delibera del consiglio omunale numero 89 del 7 aprile 2009 e successivi provvedimenti) e sono tutti ricandidati a queste elezioni comunali”.

La risposta di Melgrati non si è fatta attendere ed è pervenuta, ieri 26 maggio, con la seguente nota:

“Apprendiamo con estremo stupore il commento del consigliere di minoranza uscente, e “RIENTRANTE”, ora candidato sindaco Giovanni Parascosso di una lista catto-comunista sulla sentenza emessa dal Tribunale di Savona in merito alla vicenda del nostro stadio cittadino.

Ci stupisce soprattutto perchè tali parole provengono da un professionista dal quale ci si aspetterebbero considerazioni giuridicamente fondate nonché coerenti con il tipo di persona che lo stesso si proclama di essere: amante della città, della trasparenza e della verità. Noi alle parole continuiamo a rispondere con i FATTI. Contrariamente all’Avv. Parascosso, noi abbiamo letto la sentenza del Tribunale di Savona e le dichiarazioni dello stesso sono totalmente false e prive di qualsiasi riscontro con la realtà accertata dal Tribunale di Savona e mai contestata dalla amministrazione Canepa (nemmeno nelle prime difese!!!)”.  

Per amore della verità siamo costretti a cristallizzare alcuni fatti incontestabili :

1) Marco Melgrati diventa Consigliere Regionale nella primavera 2010 e cessa di essere il Sindaco di Alassio;

2) la somma riconosciuta dal Tribunale di Savona alla società Alassio Parking è scaturita da una pluralità di eventi, TUTTI VERIFICATISI SUCCESSIVAMENTE ALL’ANNO 2010, ovvero quando Marco Melgrati non era più sindaco”. 

“A conferma di quanto sopra, elenchiamo le voci di danno riconosciute dal Tribunale:

– € 1.956.223,14 tutti dovuti a situazioni imprevedibili emerse durante la fase di esecuzione dei lavori, successivamente all’anno 2010;

– € 993.646,51 per varianti intervenuti rispetto al progetto iniziali approvate da Comune di Alassio;

– € 791.719,15 per le sospensioni dei lavori disposte dal Comune di Alassio durante l’anno 2011. Per un totale di € 3.741.588,80, cui sono stati detratti € 800.000,00 come da capitolato dell’appalto. Quindi un totale pari ad euro 2.941.588,80″. 

“La lettura della sentenza chiarisce inoltre una pessima gestione da parte della amministrazione della trattativa a tal punto che a pagina 25 della sentenza il Giudice dichiara che “ .. il Comune di Alassio…. Per il tramite dell’ing. Paliotto, HA RICONOSCIUTO, … , la debenza dell’importo per lavori aggiuntivi e per riserve pari ad € 2.726.032,53, oltre interessi. FATTI E NON PAROLE”. 

“Inoltre l’Amministrazione Canepa ha citato la nuova compagnia assicurativa anziché quella originaria, facendo scadere i termini biennali di rivalsa. L’amministrazione uscente e non rientrante Canepa è stata totalmente INCAPACE di gestire la vicenda Alassio Parking per sua esclusiva colpa! Invece l’avvocato Parascosso strumentalizza la vicenda dimostrando di non avere capacità personali e professionali, ma solo ambizioni politiche e di poltrone – conclude Melgrati – dopo il giudice, anche i cittadini sapranno pronunciarsi”. 

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *