martedì, Gennaio 22, 2019
Home > Cultura > “La vita e i giorni. Sulla vecchiaia” di Enzo Bianchi

“La vita e i giorni. Sulla vecchiaia” di Enzo Bianchi


di FELICINO VANIGLIA - 4 Gennaio 2019, 11:30

Il priore della comunità di Bose, Enzo Bianchi, affronta nel suo ultimo libro di 138 pagine edito da Il Mulino, l’argomento della terza età. La condizione di fragilità dell’uomo, impegnato in un viaggio che almeno per i cristiani conduce ad un unica meta, emerge più chiaramente in questa parte della vita. Un momento dell’esistenza fatto di difficoltà e debolezze ma anche dell’opportunità di dare alle nuove generazioni una guida. Il controllo sul mondo e la consapevolezza di cosa si sia realizzato lasciano il passo alla capacità di vedere con più chiarezza il futuro, le vicende e il senso di molti avvenimenti. Un’ occasione per dialogare con le giovani generazioni, comprenderle e non lasciarsi abbandonare a una preventiva chiusura. Un periodo importante, dunque, a cui arrivare preparati. La propria identità deve essere coltivata per riuscire a spogliarsi dai ruoli che si sono interpretati nel corso dei decenni e per fare emergere la singolarità della persona in tutta la sua forza e la sua ricchezza. Saggezza, lungimiranza, definizione del proprio “io” sono le caratteristiche fondamentali per affrontare in modo completo una parte dell’esistenza fatta di debolezza e anche di tante chances. Dialogare con il proprio corpo, ponderarne i limiti, imparare ad accettare “l’incompiutezza” delle cose sono i passi a cui allenarsi per riuscire a vivere pienamente questi anni. “Vecchiaia” di Enzo Bianchi è un viaggio non malinconico nella stagione intensa, varia, sfaccettata della terza età. Che la vecchiaia non può essere un viaggio solitario nel deserto; deve, invece, innestarsi in un ordo amoris umano e divino. Qui sta la sapienza di questo piccolo, ma grande libro. Che sì, come dice il citato García Márquez: «La morte non arriva con la vecchiaia, ma con la solitudine». Una sapienza che affonda le sue radici nella “vecchiaia” della nostra civiltà: «Non è buono che l’essere umano sia solo» recita la Genesi biblica (2,18) e ancor qualche millennio prima di essa, uno dei racconti più antichi del mondo descriveva proprio l’imbarazzo della morte e il desiderio di sfuggire alla vecchiaia con il mito dell’eterna giovinezza. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *