sabato, Ottobre 19, 2019
Home > Attualità > L’Acqua di Lurisia diventerà Coca-Cola

L’Acqua di Lurisia diventerà Coca-Cola

Il chinotto di Savona la segue, Slow Food si allontana

Coca Cola Italia acquisisce Lurisia, la società di acque minerali e bibite controllata dal fondo d’investimento IdeA Taste of Italy, dalla famiglia Invernizzi, e da Eataly Distribuzione, per un valore concordato di 88 milioni di euro. La chiusura dell’acquisizione, con il supporto di The Coca Cola Company, è attesa per la fine dell’anno, ma gli accordi sono già stati presi: Piero Bagnasco, attuale presidente e amministratore delegato di Lurisia, e Alessandro Invernizzi continueranno a sedere nel consiglio di amministrazione dell’azienda “al fine di assicurare una continuità di business”.

Lurisia, conosciuta pure come Acque Minerali, fondata nel 1940 e con sede a Roccaforte Mondovì, in provincia di Cuneo, si aggiunge ai già quattro stabilimenti di Coca-Cola Hbc Italia presenti in Campania, Abruzzo, Basilicata e Veneto, dove ha sede il più grande centro produttivo di Coca-Cola in Europa. Una realtà italiana che vale quasi 45 milioni di euro: l’acquisizione di Lurisia completa l’attuale portafoglio di bevande Coca-Cola in Italia.

Slow Food, l’associazione fondata da Carlin Petrini in Italia nel 1986, e che tra le più fortunate iniziative promozionali e commerciali aveva propiziato lo “sposalizio” tra l’acqua di Lurisia e il chinotto di Savona, ha dichiarato conclusa la collaborazione con la società cuneese. “Apprendiamo dagli organi di stampa del passaggio di proprietà di Lurisia al gruppo Coca Cola – si legge in una nota -. Lurisia ha sostenuto l’attività di Slow Food a partire dal 2007, principalmente in veste di partner dei grandi eventi: Cheese, Slow Fish e Salone del Gusto. Con l’edizione 2019 di Cheese, al via questo fine settimana, si conclude la collaborazione, che non verrà rinnovata“. Slow Food da sempre si batte contro le multinazionali e a tutela dei piccoli produttori e delle eccellenze tipiche locali in nome della biodiversità e non può continuare una partnership con uno dei primi gruppi mondiali nel campo alimentare.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *