Attualità

Laigueglia: Piano Urbanistico Comunale cercasi

Respinto dal Consiglio di Stato il ricorso del Comune; verso un nuovo progetto

Il Consiglio di Stato ha respinto il ricorso del Comune di Laigueglia contro la sentenza del Tar Liguria, che, nel 2017, aveva accolto la tesi delle associazioni ambientaliste secondo le quali il nuovo Piano urbanistico comunale avrebbe dovuto essere sottoposto alla procedura di Verifica ambientale strategica, non essendo sufficiente, per superare le problematiche emerse, il ricorso allo strumento delle prescrizioni, come invece aveva ritenuto di fare la Regione Liguria.

Il comportamento della Regione era stato dichiarato “illegittimo” e gli atti conseguenti, ovvero l’adozione stessa del Puc, erano stati annullati. Esito ancora una volta negativo, quindi, per l’Amministrazione comunale, che ora dovrà rapidamente procedere all’adozione di un nuovo Puc per rispettare il termine del 2020 fissato come data limite.

Era di una certa complessità il procedimento presentato nel 2014 al Tribunale amministrativo, ma ancor più complesso l’iter di approvazione del nuovo Puc. La questione principale su cui prendere una decisione era stata la mancata sottoposizione del progetto di Puc alla verifica ambientale strategica. La Regione Liguria era giunta alla conclusione che la Vas non era necessaria, potendosi ovviare ai primi inconvenienti emersi dalla valutazione comunale e provinciale con alcune modifiche al progetto. Ma i giudici del Tar Liguria non erano stati di simile avviso: “La Regione ha provveduto come se la situazione riguardasse una vicenda meramente urbanistica… mentre le indicazioni fornite sono invece di natura prettamente ambientale”. Di qui l’accoglimento del ricorso presentato dagli ambientalisti e da alcuni proprietari di immobili, a fondatezza del ricorso.

Il Comune si era rivolto, in appello, al Consiglio di Stato, sostenendo di non condividere la conclusione del Tar secondo cui tutti i piani urbanistici, solo perché relativi all’intero territorio comunale, debbano essere sottoposti a verifica ambientale strategica e non soltanto ad una “verifica di assogettabilità alla Vas”. Le disposizioni stabilirebbero che la valutazione è “obbligatoria” non per qualsiasi piano urbanistico esteso all’intero territorio comunale ma solo quando i piani potrebbero compromettere le finalità di conservazione delle zone soggette a protezione speciale di determninate specie di uccelli selvatici e sulle aree Sic (siti di interesse comunitario) per la protezione di habitat naturali, della flora e della fauna selvatica.

Ma il Consiglio di Stato non ha accolto questa tesi, anche perché “l’esistenza di tali potenziali interferenze tra le previsioni urbanistiche e il Sic di Capo Mele è stata pienamente rilevata dalla Regione con riferimento ad una pluralità di ambiti. Tale circostanza – hanno concluso i giudici romani – imponeva quindi di per sé la necessità di effettuare la Vas, con le garanzie partecipative e l’approfondimento istruttorio proprie di tale procedimento”. Per cui “la mancata effettuazione della Vas ha inficiato l’intero iter procedurale”.  Le spese di giudizio sono state interamente compensate, ma il Comune di Laigueglia ha avviato le procedure per l’affidamento di un incarico professionale per la redazione di un nuovo Puc.

Comment here