lunedì, Febbraio 24, 2020
Home > Attualità > Laigueglia ritorna sulla tassa di soggiorno

Laigueglia ritorna sulla tassa di soggiorno

Il Comune di Laigueglia ha per tempo attivato con l’Università di Genova, un dialogo per l’esame di temi riguardanti il territorio,  come il biodigestore, il Laigueglia Pass e ora sulla tassa di soggiorno, per verificarne validità ed efficacia. “Non ci sono oggi le garanzie che i nuovi flussi di entrata derivata dalla tassa di soggiorno non siano soggetti al patto di stabilità”. Così si esprimo dal Comune e continuano:“Come facciamo a pensare di colpire praticamente solo il turista alberghiero che è quello che dobbiamo salvaguardare? E’ decenni che su tali strutture ricettive il legislatore a partire da quello regionale e poi comunale mette ogni tipo di vincolo di destinazione ritenendo in tali strutture ricettive un “interesse pubblico” nel mantenimento. I contributi importanti in conto capitale stanziati da enti pubblici non si vedono più da decenni, solo timide iniziative in conto interessi quando il costo del denaro è già bassissimo di suo dagli stessi istituti bancari privati”. Lo spiega l’Amministrazione Comunale di Laigueglia in una nota a proposito della annosa questione della tassa di soggiorno.

“Tutti sappiamo che gli alloggi turistici sono nel limbo delle normative e accertamenti. Quindi da lì non arriverà nessuna compartecipazione. Almeno i nuovi balzelli devono essere equi e quindi eventualmente pagare tutti meno e non  pochi e tanto” aggiungono. L’amministrazione comunale, l’estate scorsa, aveva lanciato la proposta provocatoria di tassare di 10 centesimi gli ombrelloni in spiaggia.

Ma il ragionamento va oltre. “I sindaci chiedono di essere liberati dal patto di stabilità in modo tale da ottenere risorse da investire sul turismo e che venga compresso il fondo solidarietà”.

La stessa Amministrazione ricorda che “prima di applicare qualsiasi nuova tassa sul turismo andranno verificate le ricadute della stessa e i progetti turistici del comprensorio. Necessario ottenere contributi in conto capitale a fondo perso per investimenti di riqualificazione delle strutture ricettive.

E l’Amministrazione rammenta appunto che è stata conclusa una convenzione con l’Università proprio per valutare la progettualità turistica locale e di comprensorio, con una eccellenza del territorio quale è l’”Università di scienze del turismo”.

“E’ anche vero che i comuni hanno grandi problemi per chiudere i bilanci come Laigueglia, situazione che indispettisce ancora di più per quei comuni costieri in particolare che corrispondono al Fondo di solidarietà milioni di euro ( Laigueglia conferisce a Roma all’anno quasi 3 milioni di euro) . Quindi spenna il proprio territorio per mandare soldi a Roma senza percepire nessun miglioramento. La giusta azione sarebbe fare azioni contro il governo che modifichi queste ingiustizie anche tramite il nostro -sindacato- vedi Anci e non pensare a tassare la nostra unica economia attuale e futura tra altro anche in modo non equilibrato. Non illudiamoci troppo di questa timidissima  ripresa turistica dovuta situazioni internazionali”.

L’amministrazione comunale ricorda di “aver approvato un atto di giunta comunque per aderire a attività di promozione del territorio comprensoriali con Fondi di bilancio senza nuove tasse in quanto condividiamo da sempre le azioni congiunte territoriali. Senza dubbio tra i comuni dissidenti Laigueglia e quella con più attività turistiche ricettive”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *