venerdì, dicembre 14, 2018
Home > Rubriche > Poesie > L’albero della memoria

L’albero della memoria


di Enrico Bonino - 17 agosto 2015, 18:00

A Milena Milani,

che ha creato in Albissola 

l’albero del ricordo. 

 

Non è albero senza radici,

Milena,

anche se l’hai cresciuto

sul lunato arenile alla mattina

…quello: l’albero che ha memoria

e ha foglie verdi

e vive; parlano.

Un albero senza radici

non parla: le foglie

vi si accartocciano inerti

e il tramontano le svola,

mulinandole lontano.

Quello, Milena,

l’albero che hai cresciuto alla mattina,

ha voce verde e suoni puri

e accende luci nei cuori:

è albero vivo.

Le foglie hanno un nome.

Se da “maestra” o da “greco”

soffiano brezze intense

le foglie parlano

e dicono il nome.

Ognuna il suo.

le ascolti e il ciglio umido per la risacca

traduce volti, occhi, caplli, mani operose,

ognuna un colore, una storia, una voce.

la nostra memoria.

Quante foglie…

Quante foglie, domani,

rincorreranno le nuvole

e rideranno

e rideremo assieme.

Qualcuna, laggiù, dirà:

è il vento, è scirocco,

no è maestro, è l’euro,

no, le parole vengono da borea…

è il vento.

Sì. E’ il vento:

quello dell’albero,

Milena,

l’albero

che hai già piantato per tutti noi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *