domenica, Giugno 16, 2019
Home > Attualità > L’anno vecchio è finito, ormai. Ma qualcosa ancora qui non va

L’anno vecchio è finito, ormai. Ma qualcosa ancora qui non va

L’anno che sta volgendo al termine si è aperto con l’avvio della campagna elettorale, dopo una legislatura in cui si sono avvicendati tre presidenti del consiglio. Una campagna elettorale centrata su due temi principali: il lavoro e l’immigrazione (sulle prime pagine specialmente per la questione della nave Diciotti). Il dibattito politico ha, come sempre accade, lasciato per qualche giorno spazio al Festival di Sanremo nel mese di febbraio, il primo condotto da Claudio Baglioni, coadiuvato dalla “strana coppia” Favino-Hunziker, e vinto da Hermal Meta e Fabrizio Moro con la canzone impegnata “Non mi avete fatto niente”, brano che era finito nel bersaglio della critica perché sospettato di plagio. La carcarese doc Annalisa Scarrone ha ottenuto un prestigioso terzo posto. Dopo poco più di un mese, il mondo dello spettacolo italiano ha pianto la scomparsa di Fabrizio Frizzi.

Sul fronte politico, la data delle date delle vicissitudini italiane è quella del 4 marzo. All’indomani delle elezioni, le mappe del Bel Paese erano di due colori. A grandi linee, gialle al centro-sud e verdi al nord. Le ricette estremamente diverse dei due blocchi con più voti, il centrodestra unito e il Movimento 5 Stelle, erano diverse quanto le esigenze delle “due Italie”. L’idea di un reddito di cittadinanza ha fatto presa in un mezzogiorno afflitto dalla piaga della disoccupazione, mentre a settentrione l’idea di una tassa piatta ha probabilmente ingolosito il comparto produttivo del Paese. Le testate estere avevano fin da subito parlato di una vittoria dell’“euroscettiscimo” e sembravano non considerare il fatto che si fosse di fronte a due blocchi contrapposti, quello pentastellato e quello a trazione leghista (il sorpasso del “Carroccio” su Forza Italia è stato un altro elemento di rottura). A posteriori, possiamo dire che ci avevano visto lungo: dopo tre mesi di sondaggi e trattative, accuse di impeachment (di Savona si è parlato tantissimo in quei giorni!) e porte sbarrate, si è giunti al governo “gialloverde” del premier Conte e dell’ormai celebre “contratto”. Fatto sta che di politica si è parlato tantissimo, forse anche perché nei mesi di giugno e luglio abbiamo preferito dimenticarci che c’era il Mondiale, scivolato via silenziosamente e conclusosi con la vittoria della Francia, più che mai black blanc beur. A proposito di nazionale italiana, il 14 maggio è stato nominato il nuovo commissario tecnico: “Bobby goal” Roberto Mancini dovrà risollevare le sorti della maglia azzurra, il girone di qualificazione sembra esserci d’aiuto. A ottobre, Gabriele Gravina è diventato il numero uno della Figc. Un interesse per il calcio riaccesosi con l’approdo in Italia di un big come Cristiano Ronaldo. Ci ha pensato la nazionale femminile di pallavolo a ringalluzzire l’orgoglio per il colore azzurro nel mese di ottobre. Le ragazze di Mazzanti hanno portato a casa l’argento al Campionato mondiale.  Abbiamo trascorso un’estate calda, molto calda, alimentata da numerosi  tormentoni di casa nostra come “Amore e Capoeira”, “Italiana”, “Non ti dico no” e “Felicità puttana”, senza dimenticare i tormentoni stranieri: “La cintura” di Alvaro Soler per citare l’immancabile canzone iberica. Mesi estivi durante i quali, il 25 luglio per la precisione, il mondo dell’imprenditoria ha dato l’ultimo saluto a Sergio Marchionne.

Una relativa quiete estiva interrotta tragicamente. Le prime immagini del crollo del ponte Morandi hanno colto tutti di sorpresa, uno stupore che ha ben presto lasciato spazio all’orrore e allo sconforto più profondo nel vedere Genova e la Liguria intera lacerate in uno degli snodi vitali per la vita e l’economia: 43 morti e 566 sfollati, una regione colpita duramente, questa volta non dalla natura avversa, ma dalla fallacia umana. Il commissario alla ricostruzione, il sindaco Marco Bucci, ha annunciato che nel dicembre 2019 ci sarà un nuovo ponte. Ce lo auguriamo tutti. I colpevoli devono pagare, ma, soprattutto, che si ricostruisca in fretta uno snodo fondamentale per la nostra terra! Terra di Liguria martoriata anche dal maltempo che, a cavallo tra ottobre e novembre, ha dilaniato i litorali danneggiando pesantemente chi lavora e lavorerà nelle strutture che lì sorgevano. Abbiamo ancora negli occhi le immagini delle auto in fiamme del porto di Savona. Nel 2019 bisognerà trovare le risposte che potranno consentire alla nostra regione di ripartire. Gli ultimi scampoli dell’anno hanno poi visto riaccendersi il dibattito politico: dati percentuali, pensioni, promesse da mantenere e, soprattutto, le relazioni italiane con l’Europa. Il tutto alla vigilia  delle elezioni europee del 2019, l’esito delle quali la dirà lunga sul ruolo che vorrà giocare il Vecchio Continente in uno scacchiere internazionale dominato dai giganti di Stati Uniti, Cina e Russia. I risultati delle elezioni austriache e in Baviera, la recentissima  protesta dei “gilets jaunes” in Francia e le elezioni italiane si riveleranno presagio di un ribaltone dei rapporti di forza all’interno dell’emiciclo continentale? Tra le tante cose dimenticate in questa breve cavalcata, non voglio dimenticare di porgere a tutti, in particolare a chi non se la passa bene per motivi di lavoro o di salute, gli auguri per un anno migliore, riportando una frase di Stephen Hawking, scomparso proprio quest’anno. “Ricordatevi di guardare le stelle e non i vostri piedi. Per quanto difficile possa essere la vita, c’è sempre qualcosa che è possibile fare e in cui si può riuscire”.

(Da “L”Eco – il giornale di Savona e provincia”, edizione cartacea del dicembre 2018)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *