giovedì, Dicembre 12, 2019
Home > Rubriche > Lettere alla redazione > L’anticamera infinita dell’Udc e del Psi savonese

L’anticamera infinita dell’Udc e del Psi savonese

Proprio non c’è religione, o posti a tavola, in questa Giunta Comunale Savonese.  Da anni, con il cappello in mano, e non solo quello, le segreterie dell’UDC e del PSI richiedono, in forza del loro sostegno politico e alleanza elettorale con il PD, la rappresentanza di un assessorato. Non solo, recentemente l’UDC ha ‘cassato’ dal partito il Presidente del Consiglio Comunale Giuseppe Casalnuovo e il consigliere Giampiero Aschiero che a questo punto, ‘rappresentando’ in giunta solo se stessi, per coerenza e dimostrazione di (loro offesa) dignità di politici e di uomini, avrebbero dovuto responsabilmente dimettersi nell’immediato, lasciando un vuoto ad essere diversamente occupato: ma ciò accade in altri Paesi con storie diverse e sensibilità diverse e non certo in questa nostra Italia dove le poltrone e i divani sono inglobati con i sederi dei politici.

Comunque, qualche promessa di ‘assessorato’ verrà sicuramente in occasione delle prossime elezioni Comunali, quando sia l’UDC e il PSI saranno ‘gentilmente’ chiamati a dare il solito (e doveroso?…) sostegno al PD, per ora ‘la festa è passata e il santo rimane gabbato’ che poi, detto tra noi, questi portatori d’acqua con i loro secchi perennemente bucati non è che siano di grande aiuto alla causa.

Gianni Gigliotti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *