sabato, Agosto 17, 2019
Home > Attualità > L’area protetta di Bergeggi in un progetto pilota contro la plastica in mare

L’area protetta di Bergeggi in un progetto pilota contro la plastica in mare

L’Area marina protetta dell’Isola di Bergeggi e quella di Porto Cesareo, nel Salento, sono state scelte dal ministero dell’Ambiente per la realizzazione di un progetto pilota nazionale, “Nel blu dipinto di brutto”, contro la spazzatura giacente sui fondali marini, con particolare riguardo alle plastiche.  D’intesa tra l’ente gestore dell’area protetta (il Comune di Bergeggi) e l’Autorità marittima (Capitaneria di Porto) sarà predisposto un programma di attività che coinvolgerà nei prossimi mesi pescatori e sub nella raccolta dei rifiuti marini durante uscite ed immersioni. L’obiettivo è l’avvio di una gestione ottimale dei rifiuti provenienti dai fondali, anche attraverso azioni informative.

Saranno organizzati incontri con gli operatori dell’area protetta per informare sul tema, consegnare le “big bag” (grandi borse) per la raccolta dei rifiuti e organizzare le attività di raccolta e segnalazione. Le “big bag” saranno svuotate in un’apposita area di conferimento attrezzata con cassonetti destinati solo ai rifiuti “rivenienti dal mare”. I punti di rinvenimento dei rifiuti saranno segnalati per consentire la successiva bonifica. Prevista anche una campagna di comunicazione con distribuzione materiali informativi e gadget, workshop per insegnanti, eventi per studenti e giornate di sensibilizzazione in spiaggia, oltre a giornate di pulizia straordinaria di fondali e costa.

L’Area Marina Protetta dell’Isola di Bergeggi è stata istituita dal ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare nel 2007. La sua superficie, compresa interamente nel Comune di Bergeggi, ricopre 215 ettari, estendendosi dalla fascia costiera fino ai fondali dell’isola. L’area protetta è suddivisa in zone sottoposte a diverso regime di tutela ambientale, tenendo conto delle caratteristiche ambientali e della situazione socio-economica del territorio interessato: la Zona A, di riserva integrale (3,4 ettari), dove tutte le attività che possono arrecare danno all’ambiente marino sono interdette, comprende esclusivamente il tratto di mare prospiciente la costa sud dell’Isola di Bergeggi (area rivolta verso il mare aperto); la Zona B di riserva generale (41,7 ettari), dove le attività di fruizione del mare sono rigidamente regolamentate,  comprende il tratto di mare circostante l’Isola di Bergeggi e il tratto di mare prospiciente la costa di Punta Predani; la Zona C, di riserva parziale (170 ettari), dove le attività di fruizione del mare di modesto impatto ambientale sono generalmente consentite e regolamentate, comprende il residuo tratto di mare all’interno del perimetro dell’area marina protetta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *