lunedì, dicembre 18, 2017
Home > Attualità > L’assessore allo sport Maurizio Scaramuzza parla della possibilità di un “Mondiale per gli esclusi” in Liguria

L’assessore allo sport Maurizio Scaramuzza parla della possibilità di un “Mondiale per gli esclusi” in Liguria


L'idea ha fatto il giro del web. Ma con gli Stati Uniti di mezzo...


di Michael Traman - 16 novembre 2017, 17:00

All’indomani del pareggio per 0 a 0 contro la Svezia, che ha sancito l’esclusione dell’Italia dal mondiale di Russia, ha fatto molto parlare la proposta dell’assessore allo sport del Comune di Savona Maurizio Scaramuzza. L’assessore ha infatti lanciato l’idea di dar vita a un “Mondiale per gli esclusi”, una manifestazione, parallela alla kermesse iridata di giugno, alla quale potranno prendere parte le nazionali che non sono riuscite a qualificarsi. E di squadre blasonate, oltre all’Italia, ce ne sono eccome: i due volte consecutivamente  campioni del Sud America del Cile, con giocatori del calibro di Alexis Sanchez, l’Olanda, squadra di grande tradizione smarritasi dopo la finale persa nel 2010 e una potenza, sempre rimasta “in potenza”, come gli Stati Uniti. Senza dimenticare il Camerun, campione d’Africa.

L’idea ha suscitato molta perplessità sui social, specialmente se si pensa alle strutture che potrebbero ospitare gare del genere. Oltre al “L.Ferraris” di Genova, potrebbero forse essere impiegati lo stadio dell’Entella e quello dello Spezia. Molto meno pensabile un’Italia – Olanda al Bacigalupo.  Per provare a comprendere come potrebbe essere realizzato un evento di tale portata, abbiamo direttamente interpellato l’assessore Scaramuzza, che risulta convinto della possibilità di concretizzare l’idea.

Assessore, da dove nasce l’idea di ospitare il “Mondiale degli esclusi”?

L’idea nasce da una chiacchierata tra me e Cristiano Bosco, per creare un po’ di “sciaratto mediatico ” e per vedere quale sarebbe stata la risposta della gente.

Quanto potrebbe giovare alla Liguria una manifestazione del genere?

Sicuramente a livello turistico e commerciale sarebbe una bomba per la Liguria grazie alla presenza di tifosi e curiosi.

Ne ha parlato con il sindaco Caprioglio?

Certamente ed è rimasta divertita e incuriosita dall’idea.

Secondo lei, ci sono le strutture sportive adeguate per ospitare un evento che sarebbe di portata mondiale?

Per quanto riguarda le strutture sportive,non solo a Savona, ma in tutta la Liguria, siamo ampiamente coperti. Non si tratta una manifestazione ufficiale

La proposta ha scatenato l’ilarità del web e dei suoi avversari politici, tutta invidia per un’idea cosi sui generis?

Per quanto riguarda l’ilarità del web e soprattutto dei nostri avversari politici non so che dire. Io vado avanti per la mia strada, loro hanno avuto anni per far “ridere ” la popolazione savonese. E ci sono riusciti benissimo. La mia proposta è una good news in un mondo di tristezza. Se sono rose, fioriranno…

 

Per la cronaca, l’idea di un mondiale per nazionali deluse non è nuova. L’idea si era già palesata negli Stati Uniti, decisi a proporre una sorta di remake in salsa calcistica della Guerra Fredda. La notizia ha poi preso concretezza martedì su alcuni quotidiani on line, per poi essere ripresa da La Gazzetta e Repubblica. Forse gli americani hanno preso ispirazione da Savona ? In ogni caso, abbiamo un competitor difficile da battere.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *