sabato, Maggio 25, 2019
Home > Attualità > L’assessore Santi fa il punto sulla situazione del verde nella città di Savona

L’assessore Santi fa il punto sulla situazione del verde nella città di Savona

“Ringrazio i Lions per la loro collaborazione e voglio anche dire che è merito loro se nello scorso autunno abbiamo organizzato la Festa dell’Albero”, ha dichiarato l’assessore all’ambiente del comune di Savona Pietro Santi durante l’illustrazione della situazione sul verde pubblico, “e voglio sottolineare che la nostra amministrazione crede nel verde che dev’essere tutelato e protetto. Dal nostro insediamento, avvenuto a luglio 2016, ci siamo impegnati molto su questo tema e dal 1 luglio al 31 dicembre di quell’anno ci siamo impegnati a piantare 23 cipressi al cimitero, 8 lecci in Corso Italia, che è uno dei viali più importanti della nostra città ed abbiamo anche sostituito un leccio secco in Piazza Sisto IV mentre nel 2017 abbiamo piantato 9 cipressi, 7 lecci, 4 tigli e 2 liquidambar che sono simili ai platani. Spero che la Festa dell’Albero sia un appuntamento fisso per la nostra città e voglio ricordare che in questi giorni in Piazza del Popolo verranno tolti circa dieci ceppi di alberi vecchi al posto dei quali saranno piantati alberi nuovi. Abbiamo svolto anche un’azione di risistemazione del verde sostituendo le piante secche con altre nuove che saranno il futuro della città ed il nostro prossimo obiettivo è quello di sostituire circa 56-58 pini di Corso Tardy e Benech”.

“La collaborazione con Ata è molto importante”, sottolinea il dirigente Delfino, “e ora stiamo facendo le opportune verifiche sulle piante della città e sulle aree canine che verranno a breve completate anche con la piantumazione di nuovi alberi”.

“Il verde nella nostra città ha avuto un incremento importante negli ultimi 15 anni passando da circa 180.000 metri quadri del 2000 ai quasi 300.000 di oggi”, evidenzia l’agronomo dell’Ata Danilo Pollero, “così come è aumentata la qualità del verde con la proficua collaborazione tra comune ed Ata. La manutenzione è aumentata passando dai 20 tagli in aree di pregio del 2000 alle 40 attuali senza però dimenticare la fruizione non corretta del verde da parte di persone ed animali che provoca seri danni all’erba. In questi ultimi anni abbiamo anche avuto circa 400 nuove palme con nuove piantumazioni e aree nuove alberate portando a circa 300.000 metri quadri la superificie permeabile considerando che Piazza del Popolo ha solamente una superificie di 3500 metri quadri mentre Corso Ricci ha 544 alberi per 800 metri quadri e stiamo facendo di tutto per mantenere l’attuale manutenzione nonostante i tagli”.

“I Lions collaborano da sempre con le diverse realtà cittadine e durante la Festa dell’Albero ciò è avvenuto con l’associazione Guardami negli Occhi”, ha esposto Simona Carrera, socio fondatore dei Lions Torretta, “e la nostra associazione ha da sempre un occhio di riguardo all’ambiente tanto da aver avviato una raccolta firme per un disegno di legge che porterebbe l’insegnamento dell’educazione ambientale nelle scuole primarie e secondarie. Nel 2012 abbiamo piantato nel mondo circa 15 milioni di alberi e recentemente qui a Savona abbiamo piantato quattro tigli in Piazza del Popolo con i cartelli delle descrizioni delle piante in lingua inglese”.

“Riguardo alle palme voglio dire che siamo fortunati rispetto ad altri comuni”, riprende l’assessore Santi, “e anche se abbiamo difficoltà di bilancio abbiamo investito ben 55.000 euro per il taglio obbligato delle palme malate e per le cure preventive di quelle ancora salvabili e voglio dire che siamo arrivati a questo punto per la mancanza di cure del passato. Cerchiamo di sostituire quasi tutte le palme che abbiamo dovuto tagliare a causa del punteruolo rosso in particolare in Piazza Saffi nota anche come Piazza delle Palme e sul Lungomare delle Fornaci”.

“Il punteruolo rosso colpisce le palme pubbliche e private e dal 2010 stiamo monitorando la situazione”, ha dichiarato l’agronomo Pollero, “e per qualche anno non abbiamo avuto problemi ma la prima palma malata abbiamo dovuto tagliarla 3 giorni dopo la diagnosi a causa del decreto ministeriale di lotta obbligatoria al punteruolo. Nel 2015 abbiamo tagliato 5 palme private malate ed in tal senso Ata ha fatto una bozza di piano al contrasto del punteruolo che è stato attivato dall’attuale amministrazione. Nel 2016 abbiamo avuto 9 palme colpite mentre nel 2017 abbiamo avuto 47 palme pubbliche e 107 private colpite e per quelle private o di altri enti possiamo fare ben poco e ciò ha portato ad una strage. Tutte le palme malate devono essere tagliate e nel 2018 abbiamo già avuto 10 tagli resi obbligatori dal servizio fito-sanitario. Quando un privato scopre di avere una palma malata deve comunicarlo al comune e sucessivamente questa dev’essere tagliata con un’ordinanza sindacale o con il trattamento fito-sanitario regionale. Abbiamo curato sei palme con l’insetticida per evitare la diffusione della malattia e fino ad ora abbiamo riscontrato attacchi solo sulle palme delle Canarie. Già nel 2010 e nel 2011 si parlava di un fungo per la cura delle palme e questo fungo era già conosciuto per la lotta agli insetti ma si è dimostrato difficile farlo funzionare su insetti che vivono all’interno delle palme come il punteruolo rosso. Nel 2017 apsettavamo questo prodotto e sono stati selezionati 111 ceppi di fungo che sembra possano attaccare questo pericoloso insetto sia nello stadio di larva che in quello adulto ma il prodotto è registrato solamente in Francia ed è stato approvato dall’Unione Europea ma spetta ai singoli stati registrarlo. Se le procedure saranno veloci avremo questo prodotto nel 2019 e voglio sottolineare che le palme che ripianteremo saranno di una specie diversa da quella delle Canarie come ad esempio le dattilifere. Di questa specie di palma ne esistono di diverse qualità come quelle spagnole che sono frutto di incroci ed hanno il tronco più spesso rispetto alla dattilifere classiche e fino ad ora solo quelle spagnole sono risultate immuni al punteruolo rosso ed in paesi come Marocco, Egitto Libia e Tunisia anche questa specie è stata colpita ed in Italia abbiamo avuto il primo caso di dattilifera colpita a Sanremo”.

“In Via Quiliano dobbiamo tagliare alcuni platani perchè colpiti da gravi malattie e sul lato destro, che è di nostra competenza, pianteremo 9 alberi usando i fondi del settore ambiente per le palme e voglio ricordare che alcuni privati si sono dichiarati disponibili a donarci le palme”, conclude l’assessore Santi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *