Attualità

Le “Baby Gang”: è giunto il momento di prendere serie contromisure

I recenti fatti accaduti nei giorni scorsi a Napoli con immagini filmate che tutti i telegiornali hanno piu volte presentato ai telespettatori, mettono in evidenza, qualora cene fosse bisogno, una criticità talmente grave ed incancrenita sulla quale lo stato deve intervenire nella misura più drastica e risolutiva. Immagini incredibili che mostrano come gruppi di “ragazzini”si scaglino violentemente contro la polizia che è costretta non solo ad indietreggiare ma a sparire lasciando mano libera a quelli che non sono più ragazzi disagiati, ma veri e propri delinquenti. Il questore di Napoli dirà che la stessa polizia ha fatto bene a non cercare lo scontro e a defilarsi per non creare ulteriori problemi di ordine pubblico: io dico, invece, che la polizia ha fatto male ad andarsene, facendoli restare padroni del territorio ed impuniti. Quartieri di una delle più belle città d’italia, quale è Napoli, ove, ormai, camminare o circolare non solo la sera ma in qualsiasi orario della giornata è diventato praticamente impossibile per la reale possibilità di essere non solo derubati, ma letteralmente aggrediti e picchiati. C’è da chiedersi se tutto ciò sia possibile nella nostra Italia che pur ama definirsi come nazione sicura e tranquilla. C’è da chiedersi come questi gruppi di delinquenti non possano essere presi e, per quanto essi siano minorenni, rinchiusi in luoghi ove espiare le loro colpe tentando, fin dove sia possibile, un loro recupero ed un possibile reinserimento nel tessuto sociale: reinserimento nel quale io e molti altri, non credo sia possibile attuare. Obbligo categorico dello stato è anzitutto garantire la sicurezza dei cittadini che, oggi come oggi, non esiste davvero più. Se così è, come purtroppo è, allora le colpe vanno addossate ad uno stato che non ha ancora deciso come comportarsi e che tipo di provvedimenti prendere. Le “baby gang” sanno di essere protette da leggi che minimizzano le loro malefatte restando libere di continuare a perpetrare i loro crimini fregandosene altamente delle leggi, dello stato, della polizia e di tutte le forze dell’ordine. Vogliamo continuare così o prendere i provvedimenti del caso? Abbiamo passato i limiti dell’umana sopportazione ed è da sciocchi sperare che la situazione possa migliorare. Sono in molti, io per primo, a suggerire la riapertura del vecchio “riformatorio” che dovrebbe essere molto simile ad un carcere minorile ove dovrebbe operare personale preparato ed addestrato. L’obbiettivo è non lasciare questi signori in libera circolazione, padroni, come oggi sono, di fare gli affaracci loro e di crescere in uno stato di delinquenza che aumenterà sempre più con il passare del tempo. Ma per l’amor di Dio, facciamo veramente qualcosa di serio e di furbo perchè certi fatti non sono più accettabili e sopportabili.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: