sabato, dicembre 15, 2018
Home > Cultura > LE GIORNATE DEGLI INQUIETI SAVONESI

LE GIORNATE DEGLI INQUIETI SAVONESI


di - 11 ottobre 2016, 9:00

di Giorgio Siri

Il Circolo degli Inquieti ha tenuto, nelle date del 7,8,9 ottobre, la
tre giorni dedicata all’ “L’inquieto dell’anno”, quest’anno incentrata
sui temi, sempre affascinanti, della Classicità e della Grecità.

In accordo con tale premessa  Il premio “inquieto dell’anno” é stato
assegnato, la sera del 9 ottobre, al Teatro Chiabrera di Savona, a
Luciano Canfora, filologo classico, grecista, latinista, storico e
saggista di fama internazionale. Nato a Bari nel 1942, autore di un gran
numero di saggi, membro del comitato direttivo della rivista Limes e del
Comitato scientifico dell’Enciclopedia Italiana, è pure uno studioso
insigne della figura di Antonio Gramsci, ed è noto anche per qualche
posizione polemica; divenne famosa quella sull’autenticità, da lui
contestata, del “Papiro di Artimidoro” ma anche quella sul discorso
attribuito a Pericle da Tucidide, sulla Democrazia ateniese! Beh, tutto
si può dire allora, meno che Canfora non sia un inquieto e non stimoli
l’inquietudine!

Di lui afferma, l’attuale presidente del Circolo, da poco nominato,
Paolo De Santis: “Le doti che contraddistinguono questo illustre
studioso sono universalmente note. Una, in particolare, che voglio
sottolineare, è come la classicità che determina la straordinaria
modernità di questa mente, sia di guida in questi momenti di grande
travaglio del mondo e della nostra Europa. Il pensiero classico, non
come citazione del passato ma come nascita della modernità, ci sia da
guida e da sentiero per i nostri comportamenti. In Canfora riconosciamo
il Maestro che con spirito inquieto insegna, suggerisce ed apre le menti.”

La serata, condotta appunto dal presidente De Santis, con il filosofo
Valerio Meattini, è stata indrodotta dalla lettura, da parte dell’attore
e regista Jean Pierre Lozano, di un brano tratto dal celebre saggio di
Friedrich Nietzsche, “La nascita della tragedia”, cui è seguito un
intervento musicale di  Davide Baglietto (cornamuse e flauti) e di
Alessandro Signorile (dulcimer, tamburo e chitarra) e la proiezione di
una danza rituale su due tele di Francesca Pierattini (1,60 x 1,60),
facenti parte della personale “Domus domini”, che l’artista ha
presentato presso la Basilica di Sant’Ambrogio a Milano. Hanno inoltre
accompagnato la premiazione, il pianista Loris Orlando e la
flautista Laura Guatti.

L’ingresso era libero e l’evento prevedeva, sempre dalle parole del
Presidente De Santis: “…una raccolta di fondi, che finanzieranno anche
solo in parte il ripristino del Museo Leopardi di Visso, Comune in
provincia di Macerata colpito dal tragico terremoto dell’agosto scorso.
In questo luogo sono conservati molti manoscritti del Poeta marchigiano,
tra i quali – L’Infinito -. Come Inquieti riconosciamo in questo
contributo un significato profondo di aiuto per queste terre martoriate,
che tanto hanno dato al nostro Paese”.

DI assoluto interesse e di non minore emozione il pomeriggio di sabato
8, presso la Sala Consiliare del Comune, con l’intervista al professor
Valerio Meattini, da parte di Giosiana Carrara, docente di filosofia
presso il Liceo Classico Chiabrera, su “Anamnesi e Conoscenza in
Platone”. Di argomento, quindi, squisitamente filosofico, la
conversazione, che è stata accompagnata dalla lettura di passi dei
Dialoghi di Platone, estrosamente proposti da Jacopo Marchisio, ha
dimostrato, oltre ad un approfondimento sul pensiero del sommo filosofo
greco, come la Filosofia, ben lungi dall’essere una Scienza confinata
sui libri e nel passato, è dottrina sempre attuale, che ci fa porre
domande e cerca di trovare risposte, tuttora connessa con le
problematica della vita e dell’azione dell’uomo, inclusa l’analisi,
fondamentale anzi, sul significato e sui fini della Scienza.

Il Circolo degli Inquieti, fondato a Savona nel 1996, avente come motto
la massima di Tommaso Campanella “E quanto più intendo tanto più
ignoro”, che si fregia di un logo di cui è autore Ugo Nespolo, non ha
una sede operativa né propria né fissa ma “sceglie di volta in volta le
proprie aree di sosta” e si propone di “essere un punto di riferimento
per tutti coloro che si considerano e si sentono – inquieti -:
desiderosi, quindi, di conoscenza, un po’ sognatori, insoddisfatti del
vuoto presente, bisognosi di un pizzico di irrazionalità, sempre
disponibili a partire, come viaggiatori culturali, per destinazioni
insolite”.  Al suo attivo più di 380 iniziative , 18 Inquieti dell’anno,
8 edizioni Inquietus celebration, 7 Feste dell’Inquietudine. E’ editore
di una testata bimestrale “globalelocale” dal nome “La Civetta”. Silvia
Ronchey l’ha definito “…il circolo più colto ed eccentrico d’Italia”.
Il presidente attuale Paolo De Santis, medico, specialista in
reumatologia, succeduto lo luglio scorso a Ilaria Caprioglio, ora
Sindaco di Savona, è “inquietamente” appassionato di storia, filosofia,
pensiero esoterico e di “ligusticità”. Non meno inquieta la moglie Carla
Bracco, archeologa, presidente dell’Associazione Lino Berzoini.

E che l’Inquietudine VI(CI) sia propizia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *