sabato, Aprile 20, 2019
Home > Attualità > Le lancette dell’orologio dividono l’Europa

Le lancette dell’orologio dividono l’Europa

Ora legale sì, ora legale no?


di PINO ROSSO - 14 Aprile 2019, 9:30

L’Europa è divisa sull’ora legale: Eurodeputati di tutti gli schieramenti politici del Nord, Centro ed Est Europa, spingono per abbandonare l’ora legale, il 20% dei cittadini dell’Unione Europea la soffre. Sostengono, di abolire l’ora legale o lasciare ad ogni singolo paese la libertà di adottarla. Meglio rispettare i “ritmi Circadiani” ossia quelli del sonno e della veglia. La apposita Commissione che dal  2000 decide l’applicazione dell’ora per gli Europei, ha inviato il problema al Consiglio per una valutazione approfondita e formulare una proposta di revisione del cambio biennale, almeno per evitare il doppio cambio (Marzo e Ottobre) ora legale e ora solare In realtà l’obiettivo è quello di evitare che per 6 mesi l’anno si regali una buona ora di luce ai paesi del Sud e una ora di troppo a quelli del Nord (lunghe notti estive senza oscurità). La portavoce Finlandese Heidi Hautala dice “turbare due volte all’anno l’orologio interno degli individui, porta danni alla salute specie psicologica e cardiaca, non regge più la giustificazione che l’ora legale è economicamente vantaggiosa”. Una volta l’ora era quella legata al sorgere e tramontare del sole indipendentemente dall’istante in cui si verifica l’evento astronomico. Nel 1874 Beniamino Franklin, inventore del parafulmine proponendosi di risparmiare sulla spesa delle candele, ma per la stravaganze delle sue proposte: uno sparo di cannone ad ogni strada per svegliare i cittadini, tassazione per l’apertura delle persiane tardive, non trovarono seguito. Nel 1895, il Neozelandese Hudson, propose, di spostare l’orologio in avanti,  idea poi ripresa e nel 1916, attuata dal Britannico Willet ,con l’approvazione della Camera dei Comuni nel quadro delle esigenze di ridurre le spese per la 1a Guerra Mondiale con lo spostamento di una ora. Soluzione imitata pur mantenendo la differenza dei fusi orari da molti paesi, compresa l’Italia. Nell’età contemporanea si è trovato l’espediente dell’ora legale, che di solito ha inizio l’ultima domenica di Marzo e termina l’ultima domenica di Ottobre, segnandone inconsciamente il  progressivo anticipo in primavera e un ritardo in autunno. Il risparmio energetico nel mondo si aggira intorno a 90 milioni. Nell’età moderna non si fa altro che riprodurre, sia pure questo antico spostamento dei bioritmi degli umani, nonché degli animali a seconda delle stagioni. Da una indagine svolta in Italia dal Codacons nel nostro Paese solo il 50% è favorevole e nella stessa misura contrari, dalla stessa indagine risulta che la maggioranza degli intervistati sarebbe favorevole alla abolizione dell’ora solare. Qualche inconveniente con questo soluzione si potrebbe avere d’inverno per i bimbi nell’andare a Scuola. Forse la soluzione per una soluzione intermedia. Ad ogni buon conto dalle 02.00 del 30 Marzo 2019, le lancette sono state spostate 1h in avanti, mentre dal 2021 ogni Stato pare potrà decidere autonomamente..                                     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *