domenica, Febbraio 24, 2019
Home > Musica > Festival di Sanremo > “Le migliori canzoni della nostra vita anni 2000”, Elisa canta “Luce”

“Le migliori canzoni della nostra vita anni 2000”, Elisa canta “Luce”


di Redazione - 9 Febbraio 2019, 11:32

Dopo cinque giorni di canzoni e ricordi, siamo giunti all’ultimo capitolo, quello dedicato agli anni 2000. Millennio iniziato sotto la scure del terrorismo: tutti noi ricordiamo cosa stavamo facendo quando l’11 settembre del 2001 sono crollate le Twin Towers. Da quel momento, sono seguite le guerre in Afghanistan e in Iraq. All’inizio del decennio abbiamo salutata la cara Lira per accogliere l’Euro, mai entrato davvero nei nostri cuori. Il 2 aprile 2005 il mondo ha dato l’ultimo commosso saluto a uno dei pontefici più amati di sempre: Karol Wojtyla. L’anno seguente, sotto il cielo di Berlino, l’ultimo capitolo glorioso della storia azzurra: siamo campioni del mondo per la quarta volta! Vittoria mondiale che era stata preceduta dal terremoto di Calciopoli. Intanto, Giorgio Napolitano aveva sostituito al Quirinale Carlo Azeglio Ciampi. La tecnologia diventa sempre più parte della nostra vita: Facebook vede la luce nel 2004. Decade che si conclude con gli effetti di una crisi economica scoppiata nel 2006 e le cui conseguenze sono ancora visibili oggi. Nel 2009 Obama diventa il primo presidente afroamericano degli Stati Uniti d’America.

Detto questo, un doveroso ringraziamento a Boris Carta per le sue fantastiche playlist: quando cultura, passione e garbo si mescolano insieme, il successo è assicurato. (Michael Traman)

Elisa – LUCE (TRAMONTI A NORD EST) (2001)

Il Festival di Sanremo celebra le nozze d’oro scrivendo, dal 26 febbraio al 3 marzo 2001, il cinquantunesimo capitolo del suo romanzo. Raffaella Carrà – seconda donna, quindici anni dopo Loretta Goggi, a rivestire il ruolo di presentatrice principale della kermesse canora – venne affiancata da nella conduzione da Megan Gale (particolarmente nota in Italia in quel periodo per aver recitato in un fortunato spot televisivo), Massimo Ceccherini ed Enrico Papi a seguito della rinuncia, nel dicembre del 2000, di Fiorello, al quale la RAI aveva affidato l’incarico di co-conduttore del Festival e la cui presenza era già stata annunciata ufficialmente. La regia fu curata da Sergio Japino (ex compagno della “Raffa” nazionale, con la quale aveva firmato numerose produzioni passate alla storia della televisione italiana), mentre il DopoFestival (ribattezzato nell’occasione “Dopo il Festival tutti da me”) fu presentato dalla stessa Carrà insieme ad Enrico Papi. E proprio quest’ultimo, nella seconda serata del 27 febbraio, sfiorò l’incidente diplomatico allorquando sbeffeggiò Carmelina D’Antuono, la funzionaria del Consolato generale d’Italia a Buenos Aires nonché preside coordinatrice di tutte le scuole italo-argentine giocando sulla sua inflessione dialettale. Poche settimane dopo, in occasione di una visita ufficiale in Argentina, l’allora first lady Franca Pilla (moglie del Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi) si scusò pubblicamente apostrofando Papi come un “cretino”. L’episodio fu aspramente criticato anche dalla delegazione veneta dal partito politico dei Verdi che, attraverso un comunicato, invitò la RAI a prendere provvedimenti. Che trovarsi a Sanremo non fosse proprio la stessa che presentare “Sarabanda” fu spiegato ben presto al conduttore già “telepaparazzo”, che si vide cancellare lo spazio dal dietro le quinte durante la serata del Festival e limitare il proprio ruolo unicamente al DopoFestival. Nel dicembre del 2007 venne condannato per dileggio ad una multa di 10.000 Euro ed altri 10.000 di spese processuali in seguito all’azione legale intentata dalla funzionaria italo-argentina. Sempre in quella serata. Ceccherini non si presentò al DopoFestival: Papi, pur lamentando tale assenza, ne approfittò per provocarlo affermando – probabilmente non a torto, viste le performances impregnate di volgarità del comico e regista fiorentino – che senza di lui gli ascolti avevano guadagnato tre punti in più ed alimentando ulteriormente la tensione creatasi fin dall’inizio tra i due, che reclamavano entrambi maggiore spazio all’interno della manifestazione. Di tutt’altra classe furono gli interventi comici di Piero Chiambretti, il quale, durante le cinque serate, intrattenne il pubblico proponendo da un palchetto del Teatro Ariston un’ironica parodia del Festival di Napoli – alla quale si prestarono scherzosamente i cantanti Mario Trevi, Mario Da Vinci (reduci delle edizioni dei Festival di Napoli degli anni ‘60 e ‘70), Antonello Rondi e Lello Di Domenico – e ricordando che proprio a Sanremo, il 24 dicembre 1931, si tenne il primo Festival della Canzone Napoletana. Tra gli ospiti della kermesse, vivaci polemiche anticiparono la partecipazione del rapper Eminem, che tuttavia non generò alcuno scandalo; cosa che, invece, fecero i Placebo ed in particolare il loro cantante Brian Molko che, in preda ai fumi dell’alcool, diede in escandescenze e distrusse il palco al termine dell’esibizione del gruppo, scatenando l’ira del pubblico in sala e costringendo un’esterrefatta Raffaella Carrà a scusarsi pubblicamente al rientro da una pausa pubblicitaria. Inoltre, suscitarono dapprima perplessità la convocazione in qualità di ospite della rocker ucraina Katia  Bujinskaja – preannunciata (il perché resta un mistero) come una star internazionale quando in Italia nessuno la conosceva – e successivamente clamore l’annullamento, a causa della crisi di ascolti, della performance dell’artista (quando già la sua presenza si era trasformata in un caso), che fu presentata solamente al DopoFestival, per giunta a notte inoltrata. Altra polemica fu quella scatenata dai Sottotono (in gara con “Mezze verità”) e il TG satirico “Striscia la notizia”, che lì accusò di aver plagiato il brano “Bye Bye Bye” degli ‘N Sync per creare il loro pezzo. L’inviato Valerio Staffelli, intervenuto per consegnare il Tapiro d’Oro al gruppo hip-hop , non riuscì nell’intento poiché venne aggredito fisicamente dagli stessi e dovette ricorrere alle cure mediche. Insomma, un’edizione decisamente non brillante – né sul piano degli ascolti, né su quello della conduzione – a dispetto del titolo della canzone vincitrice della sezione “Campioni”: “Luce (tramonti a nord est)” che rappresentò la svolta per Elisa (nome completo Elisa Toffoli), fino a quel momento interprete esclusivamente di brani in inglese, lingua nella quale la cantautrice triestina aveva scritto quello stesso pezzo, nella primavera del 2000, con il titolo “Come Speak to Me”, traducendolo successivamente in italiano con l’aiuto di Zucchero Fornaciari (che scrisse una parte del ritornello, precisamente l’inciso: “siamo nella stessa lacrima”) per partecipare al Festival. Il brano – che si aggiudicò anche il Premio della Critica “Mia Martini” e il Premio “Volare” per la miglior Interpretazione – è stato giudicato e scelto come migliore del decennio 2001-2010 tramite il referendum “Dieci!” indetto da Rockol, mentre è giunto terzo tra i cento migliori brani pubblicati negli anni 2000 in un sondaggio indetto dal sito HitParadeItalia.it . Un altro sondaggio, indetto dal Secolo XIX, ha eletto la canzone come la migliore sia tra quelle che hanno vinto il Festival nel decennio 2000-2009, sia tra tutte le vincitrici della storia della manifestazione canora. Bé, ora non esageriamo… La piazza d’onore fu conquistata da Giorgia con “Di sole e d’azzurro” – brano scritto da Zucchero (autentico vincitore occulto della gara, avendone firmate le canzoni giunte ai primi due posti), Matteo Saggese e Mino Vergnaghi (sì, proprio il dimenticatissimo vincitore dell’edizione sanremese del 1979 con “Amare”) – davanti a “Questa nostra grande storia d’amore” dei Matia Bazar. Infine, tra i “Giovani” (le ex “Nuove Proposte”) si imposero – con immensa soddisfazione di Caterina Caselli, doppiamente vincitrice poiché alla sua casa discografica era legata anche Elisa – gli adolescenti Gazosa con “Stai con me (Forever), mentre nella medesima categoria il Premio della Critica “Mia Martini” andò a “Raccontami…” di Francesco Renga (ex voce dei Timoria che il palcoscenico del Teatro Ariston avrebbe rivisto protagonista) e a “Il Signor Domani” di Roberto Angelini.   (Boris Carta)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *