martedì, Agosto 20, 2019
Home > Cultura e Musica > “Le migliori canzoni della nostra vita anni 2000”, Irene Grandi canta “La tua ragazza sempre”

“Le migliori canzoni della nostra vita anni 2000”, Irene Grandi canta “La tua ragazza sempre”

Dopo cinque giorni di canzoni e ricordi, siamo giunti all’ultimo capitolo, quello dedicato agli anni 2000. Millennio iniziato sotto la scure del terrorismo: tutti noi ricordiamo cosa stavamo facendo quando l’11 settembre del 2001 sono crollate le Twin Towers. Da quel momento, sono seguite le guerre in Afghanistan e in Iraq. All’inizio del decennio abbiamo salutata la cara Lira per accogliere l’Euro, mai entrato davvero nei nostri cuori. Il 2 aprile 2005 il mondo ha dato l’ultimo commosso saluto a uno dei pontefici più amati di sempre: Karol Wojtyla. L’anno seguente, sotto il cielo di Berlino, l’ultimo capitolo glorioso della storia azzurra: siamo campioni del mondo per la quarta volta! Vittoria mondiale che era stata preceduta dal terremoto di Calciopoli. Intanto, Giorgio Napolitano aveva sostituito al Quirinale Carlo Azeglio Ciampi. La tecnologia diventa sempre più parte della nostra vita: Facebook vede la luce nel 2004. Decade che si conclude con gli effetti di una crisi economica scoppiata nel 2006 e le cui conseguenze sono ancora visibili oggi. Nel 2009 Obama diventa il primo presidente afroamericano degli Stati Uniti d’America.

Detto questo, un doveroso ringraziamento a Boris Carta per le sue fantastiche playlist: quando cultura, passione e garbo si mescolano insieme, il successo è assicurato. (Michael Traman)

Irene Grandi – LA TUA RAGAZZA SEMPRE (2000)

Nonostante in origine dovesse essere Amadeus, in virtù del contratto firmato nel maggio del 1999 con la Rai, a condurre il cinquantesimo Festival della Canzone Italiana (svoltosi dal 21 al 26 febbraio 2000), il direttore di RaiUno Agostino Saccà – anche a causa del poco feeling tra lo stesso Amedeo Sebastiani (questo il vero nome del presentatore) e il direttore artistico Mario Maffucci – decise di puntare nuovamente su Fabio Fazio, che tanto successo aveva riscosso alla guida dell’edizione precedente. Ad affiancare il già imitatore savonese in qualità di co-conduttori – ruolo ricoperto l’anno prima dal professor Renato Dulbecco, Premio Nobel per la medicina nel 1975, e la supermodella francesce Laetitia Casta – furono in questa occasione Luciano Pavarotti, Teo Teocoli e la modella ed attrice spagnola Inés Sastre. Paolo Beldì – che, con Fazio, aveva trasferito felicemente sul palcoscenico del Teatro Ariston l’atmosfera di “Quelli che il calcio”, la trasmissione che lo aveva consacrato al grande pubblico – venne riconfermato alla regia, mentre il DopoFestival fu affidato ad Alessia Marcuzzi ed i Fichi d’India con la presenza di Fazio e Teocoli. A trionfare nella categoria “Campioni” fu la Piccola Orchestra Avion Travel – alla sua seconda partecipazione al Festival dove due anni prima, con la canzone “Dormi e sogna”, si era aggiudicata il Premio della Critica “Mia Martini” e il Premio “Volare” come migliore musica e miglior arrangiamento – con “Sentimento”, brano denso di arrangiamenti raffinati e melodie struggenti, ma la Giuria di qualità (presieduta da Mike Bongiorno) falsò volutamente la classifica finale dando a tutti i cantanti voti tra l’1 e il 2 ed il massimo solo agli Avion Travel che, ovviamente, vinsero. La ragione ufficialmente esposta in merito a tali votazioni fu la volontà di far vincere un brano di qualità, ma probabilmente la realtà era legata ad accordi discografici che, naturalmente, gettarono ulteriore benzina sul fuoco delle immancabili polemiche festivaliere e sulla maniera in cui le giurie venivano create. Tuttavia furono soltanto settantamila le copie vendute dalla “Selezione 1990-2000”, l’album (contenente la canzone vincitrice a Sanremo) che il gruppo pop-jazz – formatosi a Caserta nel 1980 ed il cui nome deriva da quello di un’agenzia viaggi della città campana – pubblicò dopo la conclusione della kermesse canora. Di ben altra portata fu invece il riscontro commerciale ottenuto da Irene Grandi, seconda classificata con “La tua ragazza sempre”, composta da Vasco Rossi e Gaetano Curreri (già autori di “…E dimmi che non vuoi morire”, presentata al Festival tre anni prima da Patty Pravo) ed inserita nell’album “Verde rosso e blu” dell’artista fiorentina. Il videoclip del brano – girato all’interno del Casinò di Sanremo – vede la Grandi eseguire la canzone fra i tavoli verde del Casinò deserto, alternando tali sequenze ad altre in cui la cantante punta alla roulette e diventa miliardaria con poche vincite ma, per colmo di sfortuna, all’uscita dal Casinò viene aggredita da un cane e si fa sfuggire di mano la valigia con il denaro vinto, che termina il suo volo in un camion tritarifiuti. I secondi finali del video vedono i due (Irene e l’animale) consolarsi a vicenda. Il 21 giugno 2009, presso lo stadio Meazza di Milano, la stessa Irene Grandi, Noemi, Dolcenera e Syria eseguirono una versione a quattro della canzone nell’ambito del concerto delle Amiche per l’Abruzzo, iniziativa benefica in favore della popolazione della regione colpita dal terremoto del precedente 6 aprile. Il concerto, voluto ed organizzato da Laura Pausini, venne trasmesso in diretta a reti unificate da 12 network radiofonici italiani – per un bacino potenziale di 38 milioni di ascoltatori – e via internet, mentre furono sessantamila gli spettatori accorsi a San Siro per assistere dal vivo all’evento. Tornando al Festival di Sanremo numero 50, sono altresì da ricordare la conquista del Premio della Critica “Mia Martini” da parte di Samuele Bersani con “Replay” tra i “Campioni” – categoria in cui il brano, a tutt’oggi il suo singolo più venduto, si classificò quinto – e di Jenny B (pseudonimo di Giovanna Bersola) con “Semplice sai”, canzone che si impose tra le “Nuove Proposte”.  (Boris Carta) 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *