lunedì, Aprile 22, 2019
Home > Cultura e Musica > “Le migliori canzoni della nostra vita anni 2000”, Marco Masini conta “L’uomo volante”

“Le migliori canzoni della nostra vita anni 2000”, Marco Masini conta “L’uomo volante”


di BORIS CARTA - MICHAEL TRAMAN - 9 Febbraio 2019, 15:30

Dopo cinque giorni di canzoni e ricordi, siamo giunti all’ultimo capitolo, quello dedicato agli anni 2000. Millennio iniziato sotto la scure del terrorismo: tutti noi ricordiamo cosa stavamo facendo quando l’11 settembre del 2001 sono crollate le Twin Towers. Da quel momento, sono seguite le guerre in Afghanistan e in Iraq. All’inizio del decennio abbiamo salutata la cara Lira per accogliere l’Euro, mai entrato davvero nei nostri cuori. Il 2 aprile 2005 il mondo ha dato l’ultimo commosso saluto a uno dei pontefici più amati di sempre: Karol Wojtyla. L’anno seguente, sotto il cielo di Berlino, l’ultimo capitolo glorioso della storia azzurra: siamo campioni del mondo per la quarta volta! Vittoria mondiale che era stata preceduta dal terremoto di Calciopoli. Intanto, Giorgio Napolitano aveva sostituito al Quirinale Carlo Azeglio Ciampi. La tecnologia diventa sempre più parte della nostra vita: Facebook vede la luce nel 2004. Decade che si conclude con gli effetti di una crisi economica scoppiata nel 2006 e le cui conseguenze sono ancora visibili oggi. Nel 2009 Obama diventa il primo presidente afroamericano degli Stati Uniti d’America.

Detto questo, un doveroso ringraziamento a Boris Carta per le sue fantastiche playlist: quando cultura, passione e garbo si mescolano insieme, il successo è assicurato. (Michael Traman)

Marco Masini – L’UOMO VOLANTE (2004)

La cinquantaquattresima edizione del Festival di Sanremo, andata in scena dal 2 al 6 marzo 2004, fu condotta da Simona Ventura, affiancata sul palcoscenico del Teatro Ariston da Gene Gnocchi, e vide la partecipazione di Paola Cortellesi e Maurizio Crozza (assente in occasione della seconda e della terza serata). Originariamente la RAI aveva designato come conduttore Paolo Bonolis, ma i numerosi impegni televisivi contratti in quella stagione (“Affari tuoi” e “Domenica in”) e la poca sintonia con Tony Renis, a cui venne affidata la direzione artistica di quell’edizione, spinsero alla rinuncia – il 23 ottobre 2003, pochi mesi prima dell’inizio della kermesse – il presentatore romano (che avrebbe poi condotto con successo il Festival dell’anno seguente). Al suo posto venne così chiamata la showgirl di Bentivoglio (reduce dal successo della prima edizione del reality show “L’isola dei famosi” all’epoca in onda su RaiDue), che diede ufficialmente il proprio ok all’inizio di gennaio – mentre il DopoFestival venne sostituito da una versione speciale di “Porta a porta” condotta da Bruno Vespa e Alba Parietti – e divenne in tal modo la terza donna (dopo Loretta Goggi e Raffaella Carrà) a condurre la manifestazione canora come presentatrice principale. Senza fortuna, purtroppo: come già avvenne nel 1975 (quando il Festival toccò il punto più basso della propria storia), le case discografiche – a causa di dissapori con Tony Renis – boicottarono l’evento e non inserirono nomi di spicco tra i partecipanti. Fatto sta che ai nastri di partenza della kermesse – la prima dal 1984 senza la classica divisione tra “Big” (o “Campioni”) e “Giovani” (o “Nuove Proposte”) – si presentarono artisti prevalentemente esordienti o poco conosciuti, la cui conseguenza prodotta fu un crollo verticale dell’audience che fece di quell’edizione la seconda meno vista di sempre (appena il 38,98% di share, solo nel 2008 si sarebbe registrato un dato inferiore) e la prima nella storia della televisione italiana ad essere superata negli ascolti da un altro programma: il poco invidiabile primato fu stabilito in occasione della terza serata sanremese, quando l’Auditel premiò la concomitante puntata della quarta edizione del reality show “Grande Fratello”, trasmesso da Canale 5 e presentato da Barbara D’Urso. La gara (senza eliminazioni né giurie, con le canzoni votate esclusivamente dal pubblico da casa tramite il televoto), secondo le previsioni più accreditate alla vigilia, sancì il trionfo di Marco Masini – già vincitore della sezione “Nuove Proposte” nel 1990 e probabilmente l’artista più noto tra quelli in gara – con “L’uomo volante”, che quasi doppiò Mario Rosini, secondo classificato con “Sei la vita mia” davanti ad “Aria, sole, terra e mare” di Linda (nome completo Linda Valori), giunta terza. Dopo alcuni anni bui, il riscatto e la rinascita artistica di Masini (che non a caso dedicò la vittoria a Mia Martini, alla quale era stato accomunato dall’infamante accusa di portare sfortuna) furono rappresentati da questa canzone – autobiografica a detta dello stesso cantautore fiorentino – che tratta il tema di un uomo maturo desideroso di avere un figlio. Il brano – inserito nella raccolta “Masini”, riedizione dell’album “…il mio cammino” – raggiunse l’ottavo posto nella hit parade e fu settantaseiesimo in quella generale di fine anno (secondo singolo del Festival in termini di riscontro commerciale dopo “Guardami negli occhi (prego)” di Paolo Meneguzzi, quarto classificato a Sanremo, che salì fino al secondo posto nella classifica settimanale e chiuse al ventottesimo nella Top 100 del 2004). Da ricordare, infine, l’assegnazione a Gino Paoli del Premio alla Carriera.   (BORIS CARTA)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *