sabato, Agosto 17, 2019
Home > Cultura e Musica > “Le migliori canzoni della nostra vita anni ’90”, Patty Pravo canta “E dimmi che non vuoi morire”

“Le migliori canzoni della nostra vita anni ’90”, Patty Pravo canta “E dimmi che non vuoi morire”

Ci avviciniamo sempre più ai giorni nostri. Gli anni ’90 sono iniziati con le Notti Magiche, il Mondiale italiano giocato sulle note indimenticabili di Nannini e Bennato. Il 7 febbraio del 1992 viene firmato il Trattato di Maastricht. In Italia, Mani pulite spazza via il vecchio sistema dei partiti e pone fine alla Prima Repubblica. Berlusconi “scende in campo” e avvia la sua epopea. La tecnologia comincia a diventare sempre più parte delle vite di tutti, ma pochi avrebbero previsto, probabilmente, quanto sarebbe diventata importante nella nostra quotidianità. (Michael Traman)

Patty Pravo – E DIMMI CHE NON VUOI MORIRE (1997)

L’evento che catalizzò maggiormente l’attenzione sul Festival di Sanremo del 1997 fu il ritorno sul palcoscenico del Teatro Ariston di Mike Bongiorno, assente da diciotto anni. Il “Re del quiz” – che consolidò in tal modo il proprio record di presenze a Sanremo con la sua undicesima ed ultima conduzione, primato che sarebbe stato superato da Pippo Baudo dieci anni dopo – presentò  la quarantasettesima edizione della kermesse in coppia con Piero Chiambretti (vestito da angelo ed appeso ad un filo per quattro serate e da diavolo nella serata finale), mentre la figura femminile si limitò ad una sola presenza: quella di Valeria Marini. Nonostante Mike abbia sempre considerato il comico e la showgirl come suoi assistenti, va tuttavia precisato che quell’edizione del Festival fu in realtà affidata a Chiambretti e che fu quest’ultimo a scegliere come co-conduttori Bongiorno e la Marini, quest’ultima presente in qualità di ospite fissa – insieme a Gigi Vesigna, già direttore di “TV Sorrisi e Canzoni” – anche al DopoFestival, presentato da Bruno Vespa. Concluso il quinquennio “dittatoriale” di Pippo Baudo, alla direzione artistica fu chiamato un triumvirato di Commissari composto dalla paroliera Carla Vistarini e da due compositori d’eccezione quali Pino Donaggio e Giorgio Moroder, mentre la Giuria di qualità (novità introdotta in quell’anno) vide le presenze di Luciano Pavarotti, Gino Paoli, dei compositori Bill Conti (autore, fra l’altro, delle colonne sonore di cinque dei sei capitoli della saga cinematografica di Rocky Balboa) e Nicola Piovani (futuro Premio Oscar per le musiche de “La vita è bella”, il film-capolavoro di Roberto Benigni) e del regista teatrale Mario Missiroli. C’erano, insomma, tutti gli ingredienti per la riuscita di un grande Festival, che in effetti rivelò l’unica… nota stonata nel brano vincitore della categoria “Campioni”, “Fiumi di parole”, che in fondo era anche una discreta canzone ma era stata presentata da due personaggi – i coniugi Alessandra Drusian e Fabio Ricci, in arte i Jalisse – che, in quanto appartenenti ad un’etichetta indipendente, non erano neppure considerati cantanti, nonostante avessero acquisito il diritto di partecipare alla competizione in virtù del sesto posto conquistato l’anno prima tra le “Nuove Proposte” con “Liberami” (per la cronaca, fu quella l’ultima volta in cui fu consentito ai finalisti non vincitori della sezione “Nuove Proposte” dell’edizione precedente di contendersi quattro posti tra i “Campioni”). “Per noi la vittoria a Sanremo è un trampolino di lancio per fare la nostra musica e continuare la nostra strada con impegno, umiltà e tanto cuore” affermarono i componenti del duo al momento della proclamazione del verdetto che assegnò loro, oltre che il Leone d’oro come vincitori del Festival, anche il Leone d’argento come autori (Alessandra Drusian e Carmen Di Domenico per il testo e Fabio Ricci per la musica). Le ultime parole famose: “Il cerchio magico del mondo” – il loro disco di esordio, contenente la canzone prima classificata – vendette la miseria di 50.000 copie, un fallimento dovuto anche al fatto che i due arrivarono alla vittoria sanremese pressoché da sconosciuti e con un album di inediti. Neppure l’onorevole quarto posto conseguito all’ Eurovision Song Contest di Dublino (dove presentarono lo stesso brano) riuscì a scrollare loro di dosso l’etichetta di meteora e le critiche talvolta feroci dei mass media che, tra le varie cose, fecero leva sulla somiglianza del loro pezzo con “Listen to Your Heart” dei Roxette al fine di evidenziare un plagio risultato poi inesistente. La vittoria fu ancora una volta annunciata in anteprima da “Striscia la notizia”che, con un tormentone semi criptico, affermò che a vincere sarebbero stati i Micio-micio-bau-bau prendendo spunto da un intervista in cui i due artisti spiegavano che, non avendo il loro nome – ispirato dal nome di un personaggio della serie televisiva “I Robinson”, Jalissa – un significato preciso, avrebbero potuto chiamarsi benissimo  Micio-micio-bau-bau. Più avanti, il poeta Younis Tawfik rivelò che jalisse, in lingua araba, significa “commensale che sa intrattenere nel racconto di favole e musica: siedi, accomodati e ascolta”. Ogni riferimento, viene da pensare, fu puramente casuale… Malgrado la coppia vincitrice, l’edizione numero 47 del Festival della Canzone Italiana regalò momenti musicali indimenticabili: su tutti la performarce offerta da Patty Pravo con “…E dimmi che non vuoi morire”, che si classificò soltanto ottava – nonostante i favori dei pronostici alla vigilia – ma si aggiudicò il Premio Migliore Musica (composta da Roberto Ferri e dal leader degli Stadio Gaetano Curreri con testo di Vasco Rossi, altro che  Micio-micio-bau-bau) e il Premio della Critica “Mia Martini”. Quest’ultimo riconoscimento fu il terzo della carriera di Nicoletta Strambelli (vero nome dell’artista veneziana) dopo quello – non ancora ufficiale – ottenuto nell’edizione sanremese del 1970 con “La spada nel cuore” (eseguita in abbinamento con Little Tony) e il secondo, conseguito nel 1984 con l’autobiografica “Per una bambola”. Tra le covers di “…E dimmi che non vuoi morire” – inserito come brano di apertura dell’album “Bye Bye Patty” vanno citate la versione in francese dal titolo “Reste” incisa dal 1998 dal coautore della musica Roberto Ferri, ed un raro inedito cantato in duetto da Vasco Rossi e Gaetano Curreri, gli altri due autori del pezzo (eseguito spesso dallo stesso Curreri assieme agli Stadio durante i concerti), mentre in tempi più recenti Noemi (nome d’arte di Veronica Scopelliti) ha inserito la canzone nella scaletta dei suoi tour, a partire dalla seconda parte del “Sulla mia pelle tour” nel 2010. “Laura non c’è” – singolo italiano più venduto ed autentico tormentone di quell’anno – di Nek (pseudonimo di Filippo Neviani) e “A casa di Luca” di Silvia Salemi – canzone della quale, in diretta TV, Mike Bongiorno sbagliò più di una volta il titolo chiamandola “A casa di Lucia” e, nonostante ciò, rimasta la più conosciuta della cantautrice siciliana – contribuirono anch’essi ad imprimere nella memoria collettiva quell’edizione della kermesse, che vide “Amici come prima” delle sorelle milanesi Paola e Chiara Iezzi (in arte semplicemente Paola & Chiara) trionfare tra le “Nuove Proposte”, in cui si fecero notare anche due giovani cantautori: il milanese Alex Baroni (vero nome Alessandro Guido), secondo classificato con “Cambiare”, e il romano Niccolò Fabi, giunto terzo con “Capelli” e vincitore del Premio della Critica “Mia Martini” per la categoria. (Boris Carta)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *