giovedì, Aprile 18, 2019
Home > Cultura e Musica > “Le migliori canzoni della nostra vita anni ’90”, Ron e Tosca cantano “Vorrei incontrarti tra cent’anni”

“Le migliori canzoni della nostra vita anni ’90”, Ron e Tosca cantano “Vorrei incontrarti tra cent’anni”


di BORIS CARTA - MICHAEL TRAMAN - 8 Febbraio 2019, 15:00

Ci avviciniamo sempre più ai giorni nostri. Gli anni ’90 sono iniziati con le Notti Magiche, il Mondiale italiano giocato sulle note indimenticabili di Nannini e Bennato. Il 7 febbraio del 1992 viene firmato il Trattato di Maastricht. In Italia, Mani pulite spazza via il vecchio sistema dei partiti e pone fine alla Prima Repubblica. Berlusconi “scende in campo” e avvia la sua epopea. La tecnologia comincia a diventare sempre più parte delle vite di tutti, ma pochi avrebbero previsto, probabilmente, quanto sarebbe diventata importante nella nostra quotidianità. (Michael Traman)

Ron e Tosca – VORREI INCONTRARTI FRA CENT’ANNI (1996)

La quarantaseiesima edizione del Festival della Canzone Italiana, andata in scena dal 20 al 24 febbraio 1996, rappresentò il culmine dell’era di Pippo Baudo, alla sua quinta conduzione di fila – nona complessiva, ad una sola lunghezza da Mike Bongiorno – e terza consecutiva in qualità di direttore artistico e supervisore del DopoFestival, affidato quest’anno ad Ambra Angiolini che fu coadiuvata dai riconfermati Luciano De Crescenzo e Gianni Ippoliti, dal rientrante Roberto D’Agostino e dalla new entry Maurizio Battista. In via esclusiva per questa edizione le serate diventarono sei: lunedì 19 febbraio, infatti, andò in onda dal Casinò di Sanremo uno speciale in prima serata (condotto, naturalmente, da Baudo) dal titolo “Arriva al Festival”, una sorta di gala di presentazione durante il quale i cantanti si raccontavano al pubblico attraverso le domande dei giornalisti e con l’ausilio di immagini di repertorio. Ad animare l’”antipasto” festivaliero – che vide la partecipazione dei cantanti 3T e Babylon Zoo – furono De Crescenzo, Ippoliti e D’Agostino (i protagonisti del succitato DopoFestival), mentre ad affiancare, dalla serata successiva, “Superpippo” sul palcoscenico del Teatro Ariston furono l’attrice romana Sabrina Ferilli, mora, e la supermodella argentina Valeria Mazza, naturalmente bionda. Nella categoria “Big” si impose “Vorrei incontrarti fra cent’anni”, scritta da Rosalino Cellamare (in arte Ron e già Rosalino, all’inizio della carriera) ed interpretata dallo stesso in duetto con Tosca (nome completo Tiziana Tosca Donati) poiché Ivana Spagna, alla quale il cantautore si era inizialmente rivolto, aveva già presentato un proprio brano (“E io penso a te”, classificatosi poi quarto). Una vittoria densa di polemiche, a cominciare dalle accuse di plagio (alcuni versi della canzone furono mutuati dai sonetti di William Shakespeare) al sospetto dei voti truccati a danno de “La terra dei cachi” di Elio e Le Storie Tese (giunta seconda), pezzo decisamente al di fuori di canoni “sanremesi” – il testo narra la vita e le abitudini dell’Italia ripetutamente travolta da scandali (il pizzo, gli episodi criminali rimasti impuniti, la malasanità) e pone l’accento sui comportamenti tipici del cittadino italiano nel mondo come la passione per il calcio, la pizza, gli spaghetti – che, forse proprio per questo, ottenne un grande successo di pubblico e critica che gli valse la conquista del Premio della Critica (da questa edizione intitolato alla grande Mia Martini, scomparsa l’anno precedente) ed il primato nelle vendite tra i brani del Festival (fu l’unico di essi a raggiungere il primo posto della hit parade settimanale e si piazzò ventiseiesimo nella Top 100 di fine anno). Durante la puntata del sabato di “Striscia la notizia” (che precedeva la serata finale del Festival e la proclamazione del vincitore), Enzo Iacchetti, con una battuta apparentemente innocua, annunciò che avrebbe girato un film “con Rosa Fumetto, Lino Banfi e Vince Tempera”. Il lunedì successivo, a due giorni di distanza dalla vittoria di Ron e Tosca, fu svelato il mistero che si celava dietro tale battuta: l’acrostico con i nomi dei tre personaggi citati formava la frase “Rosa Lino Vince”. E poiché, come già ricordato, il nome di battesimo di Ron è Rosalino, fu chiaro che il TG satirico di Antonio Ricci aveva anticipato di qualche ora il nome del vincitore della kermesse. Qualche tempo dopo la conclusione del Festival, invece, la magistratura di Milano aprì un’inchiesta relativa alla presunta corruzione del suo presentatore, della giuria e dei vertici RAI: dai controlli dei carabinieri del Nucleo operativo del capoluogo lombardo, che rifecero i conteggi, emersero schede sospette ed ipotesi di risultati modificati da Pippo Baudo in persona, che non volle ufficializzare i voti. Il processo – al quale furono chiamati a testimoniare lo stesso Elio (vero nome Stefano Belisari) ed altri cantanti, tra i quali Giorgia, Spagna e Michele Zarrillo – fu inoltre ampliato dal caso di DJ Flash, la cui casa discografica denunciò la non chiara esclusione del disc jockey e rapper (inizialmente inserito nella rosa dei finalisti) dalla competizione. Malgrado le indagini avessero confermato una certa ingerenza di Baudo nelle selezioni del Festival, questi venne assolto con formula piena e la sua posizione fu archiviata, non avendo il giudice rilevato prove di profitti patrimoniali e non patrimoniali conseguiti ingiustamente dal presentatore in seguito a tali selezioni. Diverse case discografiche subirono invece l’accusa di truffa aggravata (come dire cornuti e mazziati), mentre la società Explorer, curatrice dell’organizzazione delle giurie demoscopiche, affermò dati alla mano che la vittoria di Ron era legittima ed indiscutibile. Tornando alla gara, intendendo per essa quella andata in scena all’Ariston e non nelle aule giudiziarie, il terzo gradino del podio fu occupato dalla trionfatrice dell’anno prima, Giorgia, con “Strano il mio destino”, mentre tra le “Nuove Proposte” ebbe la meglio Syria (pseudonimo di Cecilia Cipressi, come Giorgia, romana e figlia d’arte: il padre Luciano Cipressi ebbe un discreto successo come cantante negli anni ‘60 con il nome d’arte di Elio Cipri) con “Non ci sto”. Con il Festival di Sanremo 1996 e la sua rievocazione cala il sipario sul “baudismo” che aveva contrassegnato la manifestazione per metà decennio. Per rivedere Pippo Baudo calcare il palcoscenico sanremese si sarebbero dovuti attendere sei anni, caratterizzati più che da bassi che da alti in attesa che i magici poteri di…Superpippo tornassero a risollevarne, invero con alterna fortuna, le sorti.   (Boris Carta)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *