giovedì, Ottobre 17, 2019
Home > Attualità > Le stelle di San Lorenzo

Le stelle di San Lorenzo

Fascino e poesia della più celebre notte d'agosto

San Lorenzo: una ricorrenza d’estate attesa e ispiratrice di sentimenti e di pensieri, quando le “stelle cadenti” inondano la notte di polvere dorata….in realtà sappiamo che l’apparente pioggia è dovuta all’incrocio delle orbite della terra e dello sciame delle Perseidi, il residuo meteorico della cometa Swift-Tuttle. Però il “pianto di Stelle” continua poeticamente e magicamente ad evocare lacrime spaziali, che, nella notte del giorno dedicato al Martire Cristiano Lorenzo, assumono una intensità ed una emozione impareggiabili; alla figura del Santo, uno dei più popolari, per la devozione, è già stata dedicata la pagina della nostra rubrica quotidiana sul santo del giorno e, dove la ricorrenza è celebrata, si tengono riti a volte suggestivi,come la processione che, tutti gli anni,a Celle Ligure,sale dalla Chiesa Parrocchiale di San Michele, ai Ferrari dove si trova la cappella dedicata al Santo, una chiesina sullo spigolo di un poggio, con un ampio panorama sulla costa, una “chiesa ligure che fende il mare” come dice il pregnante verso di Enrico Bonino (1922-2005), grande poeta di Albissola, nel componimento “Cristanti di Liguria”; presenti ieri sera, nell’afoso imbrunire di questi giorni di caldo, con ben sei Crocifissi, nell’ascesa faticosa e lieve ad un tempo,con la “cassa” del Santo che rientra nella sua chiesa, verso la collina dei Ferrari, che, come sempre, accoglie la Processione in festa e convivialità; il Parroco Don Piero Giacosa, che ha condotto il rito, ed il Sindaco Caterina Mordeglia, hanno rappresentato la Comunità di Celle nell’evento.

La serata era piuttosto coperta, con la luna che faceva capolino di tanto in tanto e perciò di ” stelle cadenti” non se ne vedevano, del resto il “picco” sarà tra i giorni 11 e 12, neppure “Ufo” che, nel 2017 erano stati avvistati il giorno 8, quando, di solito, si tiene la processione, ma lo stesso  tanti avranno espresso il famoso “desiderio”…consono alla notte! Noi vogliamo  concludere, come già proposto ma è sempre bello ripetere,con una delle ” voci” più famose di questa notte fatata, ovvero uno dei componimenti più noti della Poesia italiana, il “X Agosto” del grande Giovanni Pascoli, una lirica intensa e commossa, con le sue implicazioni biografiche, con le sue espressioni di tenerezza e di profonda quasi morbosa sensibilità, con le sue riflessioni amare,sempre recante un’ emozione irresistibile….

X agosto, Giovanni Pascoli

San Lorenzo, io lo so perché tanto
di stelle per l’aria tranquilla
arde e cade, perché si gran pianto
nel concavo cielo sfavilla.
Ritornava una rondine al tetto:
l’uccisero: cadde tra i spini;
ella aveva nel becco un insetto:
la cena dei suoi rondinini.
Ora è là, come in croce, che tende
quel verme a quel cielo lontano;
e il suo nido è nell’ombra, che attende,
che pigola sempre più piano.
Anche un uomo tornava al suo nido:
l’uccisero: disse: Perdono;
e restò negli aperti occhi un grido:
portava due bambole in dono.
Ora là, nella casa romita,
lo aspettano, aspettano in vano:
egli immobile, attonito, addita
le bambole al cielo lontano.
E tu, Cielo, dall’alto dei mondi
sereni, infinito, immortale,
oh! d’un pianto di stelle lo inondi
quest’atomo opaco del Male!
Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *