lunedì, Febbraio 24, 2020
Home > Sport > Calcio > “L’Eco della Serie A”: Pino Ottonello racconta Andrea Barberis, numero 10 finalese del Crotone

“L’Eco della Serie A”: Pino Ottonello racconta Andrea Barberis, numero 10 finalese del Crotone

Il successo è come una saponetta. A volerlo troppo si rischia di stringere eccessivamente la presa e di farlo scivolare via. Questa metafora potrebbe sintetizzare la carriera, per certi versi atipica, di Andrea Barberis, finalese classe 1993 che si sta ritagliando uno spazio importante nel calcio che conta con i colori del Crotone. “Per anni proposi Andrea al mio amico Michele Sbravati, già allora responsabile del Settore Giovanile del Genoa. Andrea andò spesso ad allenarsi con il Genoa, che lo avrebbe preso al volo. Tuttavia, il papà di Andrea teneva molto allo studio e propose al Genoa di farlo vivere in collegio per evitare che facesse la spola tra Finale e il capoluogo, togliendo molto tempo ad altre attività. Il Genoa però riservava questo trattamento solo ai ragazzi provenienti da altre regioni e il tutto finì con un nulla di fatto”, racconta mister Pino Ottonello (tra le altre, allenatore di Legino, Quiliano e Savona) che ha conosciuto Barberis quando ancora giocava nella categoria Pulcini. Ecco, non c’era fretta.

“Andrea già nei pulcini era un vero e proprio regista con la postura del “giocatore importante”. Per anni, ho seguito il mister della leva in qualità di Responsabile del Settore Giovanile del Finale. Ho sempre pensato che sarebbe diventato un giocatore. Ma era difficile pensare addirittura alla Serie A. Sappiamo tutti quanti talenti poi non arrivano al professionismo”, continua il mister savonese. Barberis, infatti, anche per i motivi citati in precedenza, non ha fatto le trafile canoniche per un talento savonese (Vado, Savona, Genoa o Sampdoria), ma fino al 2011, anno del suo passaggio a Varese, è rimasto a Finale dove, come tiene a dire mister Ottonello, senza negarsi una frecciata verso la “regola dei giovani”, ha avuto la fortuna di incontrare sulla sua strada mister Pietro Buttu: “Un grande merito per la carriera di Andrea è di mister Buttu, il quale lo fece giocare titolare in prima squadra senza che vi fossero obblighi federali ma solo perché lo meritava. La parola “merito” è ormai sparita: molti ragazzi che militano in categorie come l’Eccellenza giocano soltanto grazie al regolamento. Poi, quando crescono e non sono più dell’età giusta, fanno fatica a giocare in Seconda Categoria”.

Barberis, dopo aver militato nel Varese, nella primavera del Palermo e nel Pisa, vive un momento di stallo nell’estate 2015 e, ancora una volta senza fretta, ritorna a “casa”, effettuando una parte di preparazione con il Finale, squadra dalla quale spicca nuovamente il volo, direzione Crotone. Il resto è storia recente. Con i pitagorici conquista la Serie A, gestione Juric, una salvezza miracolosa che è costata un giro d’Italia in bicicletta a mister Nicola e ora, da numero 10, sta attraversando uno dei momenti di forma migliori, come testimonia il recentissimo goal segnato alla “Scala del calcio” contro l’Inter, una triangolazione corta conclusa da un controllo e tiro perfetto. Chissà cosa avrà pensato mister Ottonello in quel momento: “Se davo un consiglio ad Andrea? Gli dicevo sempre di fare la giocata corta per poter cercare l’inserimento, non solo il lancio lungo. E contro l’Inter lo ha fatto”.

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *