Attualità

Leggere un libro o un giornale è il vero antidoto contro lo stress, impariamo a ritagliarci più tempo per ogni lettura

DI CARLO COLLA

La vita frenetica di oggi che la società ci ha imposto (e che in buona parte ci siamo scelti), ci consente sempre meno di avere tempo libero per ritagliarci momenti di pausa o di tranquillità. Qualche decennio addietro, sedersi su una sdraio con un libro o un giornale in mano, rappresentava un vero momento di relax dal lavoro e dalle preoccupazioni quotidiane, oltrechè permetterci una informazione che favoriva le nostre valutazioni personali e la nostra riflessione sugli avvenimenti dei vari settori della nostra società, da quello politico, a quello economico, a quello strettamente sportivo. La lettura del quotidiano, anche in ufficio o al bar, era, comunque, un momento in cui ognuno di noi poteva riflettersi in ciò che leggeva condividendone o no il contenuto arricchendoci, in ogni caso, di informazioni o conoscenze importanti ed utili. Oggi, purtroppo, tutto è cambiato ed il tempo ha dimostrato di essere tiranno levandoci anche il piacere di una qualsiasi lettura. La nostra vita lavorativa ci impone, infatti, di correre in continuazione, di mangiare un panino in piedi nella pausa-pranzo, di non avere il tempo necessario per informarci e trarre dall’informazione ciò che di utile ed importante essa può e deve darci. Molte persone comperano il quotidiano preferito e non hanno nemmeno più il tempo di leggerlo o di leggere, almeno, gli articoli che la titolistica ci sollecita maggiormente. Spesso alla sera, ci accorgiamo di non averlo nemmeno aperto, aggiornandoci, mentre si cena, solo con le veloci notizie del telegiornale. Ma l’informazione va recepita con più calma e tranquillità: leggere un articolo significa immedesimarsi in ciò che si legge vivendo da vicino ciò che il giornalista ci comunica. Purtroppo stiamo vedendo che anche la vendita delle varie testate giornalistiche sta calando sia perchè le persone hanno, come detto, sempe meno tempo per leggere, sia per il fatto che i continui telegiornali trasmessi sui vari canali televisivi ci riempiono la testa di notizie dell’ultima ora. Ci stiano scordando che leggere è anche un fatto di cultura. Non esiste infatti solo la politica; esistono argomenti riguardanti molti altri settori della nostra società che ci interessano e che ci riguardano più da vicino e che anche nel nostro interesse, dobbiamo conoscere e valutare.
Molto spesso, in tutta onestà, ci accorgiamo di essere molto “ignoranti” (nel senso di ignorare e non conoscere) su fatti ed argomentazioni che pur ci riguardano e sulle quali dobbiamno essere ben informati. Troppo ripetitiva e monotona è la nostra giornata scandita brutalmente dall’orologio che, come dicevo poc’anzi, ci obbliga e ci impone di correre come forsennati, sempre ed ovunque. Ma correndo sempre ci si stanca anche, e, quindi, dobbiamo imparare a riposarci un attimo e… perchè no? Con una buona lettura! Siamo diventati così masochisti che rifiutiamo quasi di calmarci e di darci una “regolata”. Lo stress, che oggi fa più vittime di quello che non si possa credere, va combattuto con dei momenti di pausa , di relax, che nessuno, se non noi stessi, è in grado di darci. Una buona lettura, capace di coinvolgerci appieno, è un vero antidoto contro quell’ansia e quelle micidiali preoccupazioni che ci derivano dal nostro lavoro e dai ritmi pazzeschi imposti dalla società. Una lettura capace ancora di estraniarci un attimo dalla vita reale e di farci sognare : questa è la migliore medicina!Dobbiamo, insomma, curarci da soli e la cura migliore è quella di mettersi in pantofole su una bella poltrona o su un comodo divano con un libro o un giornale in mano con la TV necessariamente spenta. In questi tristi giorni dell’emegenza del coronavirus che tutti stiamo vivendo, molti di noi, stando obbligatoriamente in casa, hanno ritrovato il gusto ed il piacere di leggere: speriamo che questa abitudine resti in noi nanche ad emergenza finita.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: