“Le leggi, approvate oggi in consiglio regionale con una larga condivisione, puntano a valorizzare il nostro settore, riconoscendone unicità e tipicità. Ora ci aspettiamo che il parlamento ne tenga conto». Così si esprime Gianni Canale, coordinatore Oasi-Confartigianato Liguria, a seguito del Consiglio regionale di oggi, che ha approvato a larga maggioranza le due proposte di legge riguardanti le imprese balneari liguri.

Due leggi, fortemente sostenute da Oasi Confartigianato Liguria, che puntano, da un lato, a qualificare le imprese della categoria e, dall’altro, a introdurre maggiore chiarezza nel settore. La nuova legge “Qualificazione e tutela dell’impresa balneare ligure” si propone di mettere in campo una serie di azioni per la tutela e la promozione delle imprese, partendo dall’introduzione di una disciplina ad hoc, sino alla costituzione di un marchio di qualità che le definisca come realtà radicate nel territorio. La seconda legge, “Disciplina delle concessioni demaniali marittime per finalità turistico-ricreative” porterà maggiore chiarezza al settore nell’ambito della durata delle concessioni demaniali marittime, toccando i procedimenti di selezione, le forme di pubblicità delle procedure di assegnazione, ma anche requisiti di partecipazione, criteri di comparazione delle istanze, di affidamento in gestione e di subingresso.

«Ci fa piacere evidenziare come la Regione Liguria – afferma Canale – stia trainando l’Italia verso un chiaro riconoscimento anche del ruolo fondamentale di aggregazione sociale e di attrazione e coinvolgimento dei turisti del settore balneare. Il nostro sentito ringraziamento va quindi all’assessore regionale Marco Scajola, ai due presidenti di Commissione Angelo Vaccarezza e Stefania Pucciarelli e a tutti i firmatari e votanti le due leggi».

In tale contesto è da riferire la posizione dl Movimento Cinque Stelle regionale, per voce del relatore di minoranza, e portavoce del Movimento, Fabio Tosi: “La Proposta di legge 157 Scajola-Vaccarezza sulle concessioni demaniali è non solo in palese contrasto con le normative europee relativa ai servizi del mercato europeo comune, ma oltrepassa di gran lunga le competenze regionali e si avvia verso una nuova, prevedibile, impugnazione da parte della Corte costituzionale. Invece di affrontare seriamente il problema, Toti e la maggioranza di centrodestra hanno preferito la facile propaganda, a caccia di un pugno di voti, prendendo in giro le tante micro e piccole imprese balneari liguri.”
“La normativa Bolkenstein fu sostenuta a gran forza nel 2004 dall’allora Presidente della Commissione europea Romano Prodi e approvata definitivamente dal Parlamento europeo nel 2006, con il voto favorevole di tutti i principali partiti italiani, di destra e sinistra senza distinzioni – ricorda Tosi – Oggi il centrodestra porta avanti una Proposta di legge che contrasta in un colpo solo le normative europee e le competenze regionali. Ci avviamo verso una nuova, prevedibile, impugnazione da parte della Consulta. Esiste già un precedente, nel 2012, quando la Regione Liguria si vide respingere un provvedimento analogo per prorogare automaticamente le concessioni in caso di eventi atmosferici eccezionali.”
“Il MoVimento 5 Stelle lavora da tempo a tutti i livelli istituzionali per mettere finalmente ordine al settore. Ma bisogna farlo nel perimetro delle norme e delle leggi e con le necessarie competenze. Altrimenti – conclude Tosi – è puro fumo gettato negli occhi di migliaia di balneari che alla politica chiedono azioni politiche concrete ed efficaci.”
Pare comunque che la Legge regionale “toccando i procedimenti di selezione, le forme di pubblicità delle procedure di assegnazione, ma anche requisiti di partecipazione, criteri di comparazione delle istanze, di affidamento in gestione e di subingresso”, come sopra riferito, voglia “armonizzarsi” con i criteri della “Direttiva Bolkenstein”