lunedì, maggio 21, 2018
Home > Attualità > “Liberare la libertà”, interessante riflessione di Gianluca Valpondi

“Liberare la libertà”, interessante riflessione di Gianluca Valpondi


di Gianluca Valpondi - 16 maggio 2018, 17:05

Gianluca Valpondi, intellettuale cattolico ovadese,educatore, Segretario della Legio Mariae della Diocesi di Acqui Terme, collaboratore del quotidiano “La Croce” diretto da Mario Adinolfi, era a Savona l’8 febbraio scorso per parlare del suo libro “Res publica catholica. Gesù bussa perché vuole uscire” (edizioni Edizioni Segno, 2017), che, con il volume “Libera teocrazia. Verso la civiltà dell’amore” (edizioni Edizioni Segno, 2013) e  “Homo capax dei” (edizioni Edizioni Segno, 2014) segnano un significativo contributo contemporaneo di teologia e dottrina cattolica. Pubblichiamo una sua interessante riflessione sulle connessioni tra “diritti” e “religione”, una veduta di teoria politica nella prospettiva cristiana. (Giorgio Siri)

 

“Liberare la libertà”: i diritti dell’Uomo-Dio, speranza contro il nuovo totalitarismo

La recente uscita del volume di Joseph Ratzinger/Benedetto XVI Liberare la libertà. Fede e politica nel
terzo millennio, con la prefazione di papa Francesco, mi pare un’ottima occasione per scrivere la parola
“fine” alla futile opposizione reciprocamente squalificante tra “ratzingeriani” e “bergogliani”, sia per la
prefazione del Papa che per la lettera inedita di Benedetto che prende gentilmente le distanze da certo
“antibergoglianesimo” di Marcello Pera (et similia). Forse che più che opporre i cattolici ai liberali, occorre
dare un’anima ai liberali, orientandone la libertà verso il realizzarsi nel dono di sé? Mi pare materia di seria
riflessione, senza pretese di risposte precostituite, da una parte e dall’altra.
Se è senz’altro vero che le religioni, tutte le religioni, potrebbero lodevolmente unirsi per testimoniare e
convincere la società, le istituzioni, gli stati, gli organismi internazionali che i diritti di Dio nulla tolgono, ma
piuttosto confermano e consolidano e danno solido fondamento ai diritti umani, è altrettanto vero che in
questa “operazione” di disvelamento del volto umano della religione il Cristianesimo è piuttosto
evidentemente avvantaggiato e gioca, per così dire, in casa. Nella persona umano-divina di Gesù Cristo,
infatti, i diritti dell’uomo e i diritti di Dio coincidono in modo mirabile. Il diritto umano più alto e più
profondo è il diritto alla divinizzazione, a partecipare cioè alla natura divina. Per questo, penso, Del Noce
definiva l’homo capax Dei il fondamento dello Stato di diritto. E il diritto fondamentale di Dio verso l’uomo
è il diritto di divinizzarlo, di renderlo cioè partecipe della sua natura divina. Tutto qua. Umanizzare l’uomo e
il mondo significa rendere l’essere umano sempre più perfetto e l’uomo perfetto chi è se non Gesù Cristo?
Mons. Crepaldi, presentando con altri il volume del papa emerito in Senato, così si è espresso: “(…) Il libro
ospita anche un inedito di Benedetto XVI sul tema dei diritti umani e del loro fondamento segnalando il
pericolo che la moltiplicazione dei diritti porti con sé la distruzione dell’idea stessa di diritto, processo questo
che credo sia evidente ai nostri giorni. I diritti umani appartengono all’uomo come soggetto di diritto, ma per
la loro legittimazione presuppongono i doveri che derivano dall’ordine naturale finalisticamente inteso. In
molti casi i diritti vengono invece assolutizzati e quindi infinitamente moltiplicati; ci si chiede, e se lo chiede
papa Benedetto: perché avviene questo? La risposta del papa nel suo inedito è che il piano naturale non
riesce a mantenersi tale e quindi raggiungere i suoi fini naturali senza il piano soprannaturale, senza
riferimento al Creatore l’ordine naturale si indebolisce e poco a poco viene perso di vista; concezione questa
che papa Francesco conferma nella sua prefazione; si fonda qui il ruolo pubblico della fede cattolica, che
vanta la pretesa di onorare fino in fondo le esigenze naturali della persona e della società, in quanto religione
dal volto umano e chiede che questo suo ruolo le venga riconosciuto anche dalla politica: si tratta di una
richiesta esigente di libertà religiosa (…)”. L’ordine pubblico informato a giustizia secondo i dettami della
legge morale naturale e universale, di cui parla la Dignitatis humanae, altro non è che questo ordine, che è un
essere ordinati al vero, al bene, al massimo dell’umana perfezione, che è un essere Dio per partecipazione
(cf. Giovanni della Croce).
Nella sua prefazione all’opera dell’emerito, papa Francesco in poche pennellate ci fa balenare la sua piena e
profonda comprensione e sintonia col pensiero del grande teologo e pensatore, e dopo aver tratteggiato i
lineamenti di una nuova disumana umanità prometeica, pone la famiglia come il baluardo ove l’obbedienza
all’Amore resiste al totalitarismo dell’egolatria: “ (…) a fianco di San Giovanni Paolo II egli elabora e
propone una visione cristiana dei diritti umani capace di mettere in discussione a livello teorico e pratico la
pretesa totalitaria dello Stato marxista e dell’ideologia atea sulla quale si fondava. Perché l’autentico
contrasto tra marxismo e cristianesimo per Ratzinger non è certo dato dall’attenzione preferenziale del
cristiano per i poveri: «Dobbiamo imparare – ancora una volta, non solo a livello teorico, ma nel modo di
pensare e di agire – che accanto alla presenza reale di Gesù nella Chiesa e nel sacramento, esiste quell’altra
presenza reale di Gesù nei più piccoli, nei calpestati di questo mondo, negli ultimi, nei quali egli vuole essere
trovato da noi» scrive Ratzinger già negli anni Settanta con una profondità teologica e insieme immediata
accessibilità che sono proprie del pastore autentico. E quel contrasto non è dato nemmeno, come egli
sottolinea alla metà degli anni Ottanta, dalla mancanza nel Magistero della Chiesa del senso di equità e
solidarietà; e, di conseguenza, «nella denuncia dello scandalo delle palesi disuguaglianze tra ricchi e poveri –
si tratti di disuguaglianze tra paesi ricchi e paesi poveri oppure di disuguaglianze tra ceti sociali nell’ambito
dello stesso territorio nazionale – che non è più tollerato». Il profondo contrasto, nota Ratzinger, è dato
invece – e prima ancora che dalla pretesa marxista di collocare il cielo sulla terra, la redenzione dell’uomo
nell’aldiquà – dalla differenza abissale che sussiste riguardo al come la redenzione debba avvenire: «La
redenzione avviene per mezzo della liberazione da ogni dipendenza, oppure l’unica via che porta alla
liberazione è la completa dipendenza dall’amore, dipendenza che sarebbe poi anche la vera libertà?». E così,
con un salto di trent’anni, egli ci accompagna alla comprensione del nostro presente, a testimonianza
dell’immutata freschezza e vitalità del suo pensiero. Oggi infatti, più che mai, si ripropone la medesima
tentazione del rifiuto di ogni dipendenza dall’amore che non sia l’amore dell’uomo per il proprio ego, per
«l’io e le sue voglie»; e, di conseguenza, il pericolo della «colonizzazione» delle coscienze da parte di una
ideologia che nega la certezza di fondo per cui l’uomo esiste come maschio e femmina ai quali è assegnato il
compito della trasmissione della vita; quell’ideologia che arriva alla produzione pianificata e razionale di
esseri umani e che – magari per qualche fine considerato «buono» – arriva a ritenere logico e lecito eliminare
quello che non si considera più creato, donato, concepito e generato ma fatto da noi stessi. Questi apparenti
«diritti» umani che sono tutti orientati all’autodistruzione dell’uomo – questo ci mostra con forza ed efficacia
Joseph Ratzinger – hanno un unico comune denominatore che consiste in un’unica, grande negazione: la
negazione della dipendenza dall’amore, la negazione che l’uomo è creatura di Dio, fatto amorevolmente da
Lui a Sua immagine e a cui l’uomo anela come la cerva ai corsi d’acqua (Sal 41). Quando si nega questa
dipendenza tra creatura e creatore, questa relazione d’amore, si rinuncia in fondo alla vera grandezza
dell’uomo, al baluardo della sua libertà e dignità. Così la difesa dell’uomo e dell’umano contro le riduzioni
ideologiche del potere passa oggi ancora una volta dal fissare l’obbedienza dell’uomo a Dio quale limite
dell’obbedienza allo Stato. Raccogliere questa sfida, nel vero e proprio cambio d’epoca in cui oggi viviamo,
significa difendere la famiglia. D’altronde già San Giovanni Paolo II aveva ben compreso la portata decisiva
della questione: a ragione chiamato anche il «Papa della famiglia», non a caso sottolineava che «l’avvenire
dell’umanità passa attraverso la famiglia» (Familiaris consortio, 86). E su questa linea anche io ho ribadito
che «il bene della famiglia è decisivo per il futuro del mondo e della Chiesa» (Amoris laetitia, 31) (…)”.
Il continuo ribadire, da parte di tanti, per lo più inascoltati e censurati, che i totalitarismi del secolo scorso
non sono realmente finiti se non per assumere forme diverse e ancora semmai tentativamente più pervasive e
meno circoscritte, ha avuto un’eco impressionante nella conclusione del discorso di Georg Ganswein
(prefetto della Casa Pontificia e segretario particolare del papa emerito) a presentazione del libro di
Ratzinger: “(…) Quando nella prefazione al volume papa Francesco sottolinea che questi testi, insieme all’
opera omnia del suo predecessore, cito, «possono aiutare tutti noi a comprendere il nostro presente e a
trovare un solido orientamento per il futuro», fine citazione, quasi spontaneamente mi sono venute in mente
le incisive parole pronunciate dal papa emerito per la difesa del diritto naturale il 22 settembre 2011 di fronte
ai parlamentari della repubblica federale tedesca riuniti nell’edificio del Reichstag, cioè del parlamento; con
esse intendo concludere questo mio breve intervento, e cito: «’togli il diritto e allora che cosa distingue lo
Stato da una grossa banda di briganti’, ha sentenziato una volta sant’Agostino», spiegava allora papa
Benedetto ai parlamentari da insegnante docente quale è sempre stato, e proseguì: «noi tedeschi sappiamo
per nostra esperienza che queste parole non sono un vuoto spauracchio; noi abbiamo sperimentato il
separarsi del potere dal diritto, il porsi del potere contro il diritto, il suo calpestare il diritto, così che lo Stato
era diventato lo strumento per la distruzione del diritto, era diventato una banda di briganti molto ben
organizzata che poteva minacciare il mondo intero e spingerlo sull’orlo del precipizio. Servire il diritto e
combattere il dominio dell’ingiustizia è e rimane il compito fondamentale del politico. In un momento
storico in cui l’uomo ha acquistato un potere finora inimmaginabile questo compito diventa particolarmente
urgente; l’uomo è in grado di distruggere il mondo; può manipolare se stesso; può, per così dire, creare
essere umani ed escludere altri esseri umani dall’essere uomini. Come riconosciamo che cosa è giusto?
Come possiamo distinguere tra il bene e il male, tra il vero diritto e il diritto solo apparente? La richiesta del
saggio re Salomone al Dio di Giacobbe ‘concedi al tuo servo un cuore docile perché sappia rendere giustizia
al tuo popolo e sappia distinguere il bene dal male’ resta dunque decisiva per i compiti e le sfide che oggi i
politici e la politica sono chiamati ad affrontare», perché quel momento storico del quale il papa emerito
parlò sei [sette?] anni fa a Berlino alla lunga non è ancora concluso”.
Il problema per gli uomini non è riconoscere i diritti di Dio, ma è quando l’uomo si fa dio e impone il potere
illimitato dell’uomo sull’uomo generando il totalitarismo. Chi ci salverà dall’uomo che si fa dio, se non il
Dio che si è fatto uomo? Maria unica via, “e più non dimandare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *